Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

REDAZIONE FORLI


FORLÌ: Cene e regali, agenti e dirigenti polstrada dal giudice Cronaca

FORLÌ: Cene e regali, agenti e dirigenti polstrada dal giudice

Compariranno il 17 gennaio 2018 davanti al Gup di Forlì Monica Galassi i dirigenti e gli agenti della sezione polstrada di San Piero in Bagno, sull'Appennino Cesenate, finita nell'occhio del ciclone nel settembre dell'anno scorso per un giro di presunte mazzette e regali (cene, prosciutti e denaro) che imprenditori dell'autotrasporto avrebbero elargito per 'far chiudere un occhio' alle pattuglie di controllo sull'E45 Cesena-Roma. Secondo le indagini - coordinate dal pm di Forlì Lucia Spirito e condotte dalla polizia giudiziaria del compartimento Polstrada di Bologna - l'ex comandante, il suo vice e un altro sottufficiale avrebbero sollecitato e accettato regali (anche in denaro) da alcune imprese di autotrasporto. Per questo sono indagati per corruzione e concussione. Insieme a loro compariranno davanti al Gup alcuni autotrasportatori, indagati per corruzione, e una ventina di agenti che dovranno rispondere di truffa ai danni dello Stato per essersi fatti pagare ore di straordinario senza averle effettuate e per abbandono di pubblico servizio.


FORLÌ: America Graffiti passa di mano, venduta per 35 milioni Economia

FORLÌ: America Graffiti passa di mano, venduta per 35 milioni

Il Gruppo Cigierre - Compagnia Generale Ristorazione Spa, punto di riferimento in Italia nel settore della ristorazione servita, ha raggiunto l’accordo per l’acquisizione della società America Graffiti Franchising Srl. Il contratto preliminare è stato siglato ieri a Forlì da Marco Di Giusto, amministratore delegato dell’azienda già proprietaria dei format Old Wild West, Wiener Haus, Shi’s e Pizzikotto, e Riccardo La Corte, presidente della realtà con sede a Forlì. L’operazione verrà finalizzata entro fine novembre 2017. La somma pattuita sarebbe di circa 35 milioni di euro. America Graffiti, catena nata nel 2008, è presente nel Nord e Centro Italia con 63 ristoranti, in gran parte gestiti con la formula del franchising. Essa è riconosciuta e apprezzata per l’inconfondibile stile fortemente ispirato all’America degli anni Cinquanta: ogni ristorante è la perfetta riproduzione dei mitici diner e fast food di quell’epoca, in cui gustare una grande varietà di piatti tipici della cucina a stelle e strisce, dall’hamburger alla carne grigliata, dal pollo fritto alla Cheesecake. “America Graffiti ha deciso di raggiungere l’accordo con il Gruppo Cigierre dopo aver ricevuto nel 2016 diverse manifestazioni di interesse da parte di gruppi di investitori, riconoscendo nella Compagnia Generale Ristorazione una realtà seria, solida e strutturata che potesse apportare un ulteriore contributo alla crescita del brand, mantenendone inalterata l’identità ed il concept che fortemente caratterizza i ristoranti della catena. – Spiega Riccardo La Corte, Presidente di America Graffiti Franchising – Insieme potremo affrontare con maggiore solidità le sfide che ci presenterà la continua evoluzione del mercato, con la certezza di far parte del Gruppo n°1 in Italia nella ristorazione servita”. “L’offerta commerciale di America Graffiti è complementare a quella degli altri marchi di Cigierre e l’organizzazione della gestione dei punti vendita è perfettamente allineata al nostro modus operandi. Anche dal punto di vista della cultura della qualità e dell’attenzione per la soddisfazione del cliente l’affinità è totale. - Spiega Marco Di Giusto, CEO di Cigierre – Grazie a questo format soddisferemo una fascia di mercato più ampia, con un’offerta commerciale alternativa ma sempre caratterizzata da qualità eccellente e grande divertimento per tutta la famiglia. Abbiamo programmi ambiziosi per lo sviluppo del format: contiamo di aprire almeno 50 ristoranti America Graffiti nei prossimi 5 anni, e di proseguire quindi lo sviluppo del gruppo Cigierre. Già dal 2018, includendo tutti i nostri format, prevediamo infatti un pari numero di aperture annuali in Italia e all’estero, con un particolare focus sulla Francia”. 


FORLÌ: Mixomatosi nei conigli al parco, Comune ordina 'zona infetta' Cronaca

FORLÌ: Mixomatosi nei conigli al parco, Comune ordina 'zona infetta'

Il Comune di Forlì ha disposto restrizioni nel parco urbano Franco Agosto costituendo, con una ordinanza, una 'zona infetta': una misura di polizia veterinaria giudicata necessaria per i conigli trovati infetti da mixomatosi. Proposte dal direttore della Sanità Animale forlivese del Dipartimento di Sanità pubblica dell'Ausl della Romagna, le misure di 'zona infetta' sono "in tutta l'area del parco delimitata dalla recinzione che sarà identificata dall'apposizione di tabelle con idonea iscrizione. L'ordinanza prevede la presa in carico di tutti i conigli presenti e il divieto di trasportare fuori dalla zona conigli vivi o morti. Dispone inoltre l'abbattimento dei conigli dichiarati infetti, la numerazione e l'isolamento dei conigli apparentemente sani e ribadisce il divieto di immettere conigli di altra provenienza". La mixomatosi, sottolinea il Comune in una nota, "è una malattia che aggredisce esclusivamente il coniglio e non colpisce né l'uomo, né altri animali".


FORLÌ: Chiuso ennesimo bordello cinese, è il secondo in pochi giorni Cronaca

FORLÌ: Chiuso ennesimo bordello cinese, è il secondo in pochi giorni

Una donna cinese 44 anni arrestata per sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, altre due prostitute connazionali, di 41 e 43 anni, indagate per soggiorno illegale sul territorio italiano, un terzo cittadino cinese di 42 anni, residente nel bolognese, segnalato per le medesime ipotesi di reato in concorso. La squadra mobile di Forlì ha scovato e chiuso (è il secondo caso nel giro di un paio di settimane) una casa d'appuntamenti in centro città. Il blitz, ieri pomeriggio, ha permesso di cogliere in flagranza di reato la "metresse", mentre una delle connazionali stava intrattenendo un cliente. Sequestrati anche 4600 euro proventi dell'attività illecita. La 44enne, residente a Ferrara, aveva preso in affitto, con la collaborazione del 42enne, l'appartamento in Forlì e gestiva l'attività "promozionale" su siti internet e pubblicazioni specializzate, oltre a utilizzare utenze telefoniche per concordare prestazioni e pagamenti di una clientela che dal ferrarese e dalla Romagna si spostava poi a Forlì.



PREDAPPIO: Gadget fascisti, dopo la legge tanti negozi rischiano | VIDEO Attualità

PREDAPPIO: Gadget fascisti, dopo la legge tanti negozi rischiano | VIDEO

E’ passata alla Camera la proposta di legge, a prima firma di Emanuele Fiano (Pd), che introduce nel codice penale il reato di propaganda fascista.  261 sì, 122 no e 15 astenuti. Occhi rivolti a Predappio dunque dove diversi negozi vendono da anni gadget fascisti di ogni genere, che, una volta passata la legge diventerebbero illegali.


FORLÌ: La Romagna in prima linea a Livorno dopo l'alluvione | FOTO Attualità

FORLÌ: La Romagna in prima linea a Livorno dopo l'alluvione | FOTO

Anche la Romagna in prima linea dopo le alluvioni in Toscana. L’azienda Ecotecnica di Forlì è impegnata in questi giorni a Livorno con i propri mezzi e operatori per il ripristino delle aree disastrate a seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la zona nei giorni scorsi. La società del Gruppo Eco, con sede a San Lorenzo in Noceto, è specializzata in pronto intervento ambientale. “Ricevuta la richiesta - spiega Filippo Amadori, direttore del gruppo Eco - abbiamo organizzato le squadre che immediatamente sono partite con i mezzi e le attrezzature necessarie, resteremo a Livorno fino a quando il nostro lavoro non sarà completato. Per loro natura, tali interventi richiedono prontezza di risposta che la nostra azienda, grazie ad un ottimo lavoro di squadra che coinvolge ogni singolo reparto (uffici e operatori), riesce sempre a soddisfare”.


1 / 2