Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FRANCESCA LEONI


FORLI’: Ridolfi, bando a febbraio, si va avanti ma rimangono le incognite Attualità

FORLI’: Ridolfi, bando a febbraio, si va avanti ma rimangono le incognite

Il futuro dell’aeroporto Rifdolfi di Forlì è ancora incerto. Il nuovo bando di Enac per la gestione della struttura è stato annunciato per metà febbraio dal sindaco di Forlì. Come si legge sulla stampa locale, la cordata di imprenditori romagnoli, nata a settembre del 2017, che cerca di costituire la società che si presenta sotto il nome “Aeroporto della Romagna Spa”, era stata sul punto di ritirarsi. Ma alla fine si è deciso di attendere il bando,  nonostante le incertezze. Gl’imprenditori romagnoli, infatti, sono ancora al di sotto dell’obiettivo dei 3,5 milioni, che si erano posti come obiettivo per costituire la società, anche se, per partecipare al bando pare che bastino appena 100mila euro di capitale. Le incognite sono tante. In primis il capitale investito dai singoli imprenditori è rimasto fermo.  Poi, una volta superato l’ostacolo del bando ci saranno ancora delle tempistiche lunghe in vista della riapertura dello scalo.  Se l’esito del bando arriva ad aprile, prima di giugno il vincitore non entrerà in possesso delle chiavi. Da lì dovrebbero partire i lavori strutturali, che potrebbero durare mesi. E qui arriviamo quasi a fine anno. Insomma, se tutto fila liscio parliamo dei primi mesi del 2019.  Tempi lunghi quindi, che fanno crescere le incertezze perché aumentano il rischio che qualcuno si tiri indietro. Dal mondo della politica i pareri sono discordanti anche se rimane la speranza di una prossima riapertura. Si fa, comunque, appello al resto del mondo imprenditoriale di tutta la Romagna, che potrebbe giovare da una riapertura dello scalo forlivese, perché supporti in qualche modo la cordata.      


ANCONA: Bimbo di due mesi con lesioni craniche, potrebbe essere stato maltrattato Cronaca

ANCONA: Bimbo di due mesi con lesioni craniche, potrebbe essere stato maltrattato

Un bimbo di 2 mesi e mezzo portato al pronto soccorso pediatrico di Ancona, figlio di un sammarinese residente nelle Marche, potrebbe essere stato vittima di maltrattamenti in famiglia. Una segnalazione partita dalla stessa azienda sanitaria alla Procura chiede di accertare le cause delle condizioni mediche del neonato. Lo riportano i quotidiani locali. Il bimbo, nato all'ospedale di Stato di San Marino e visitato dai medici ad Ancona, presenta una lesione cranica. Il neonato giunto al pronto soccorso la sera di marted e trasferito all'Ospedale Salesi di Ancona dove la Tac ha evidenziato la lesione cranica. Resta ricoverato in prognosi riservata, non sarebbe in pericolo di vita


RIMINI: Reddito di solidarietà e inclusione, pervenute più di mille domande Attualità

RIMINI: Reddito di solidarietà e inclusione, pervenute più di mille domande

il Reddito di solidarietà e il Reddito di inclusione sono due importanti novità volute dalla Regione Emilia-Romagna (la prima), e dallo Stato (il secondo) per contrastare la povertà e l'esclusione sociale, con obiettivi simili ma caratteristiche diverse. In entrambi i casi sono i Comuni che devono raccogliere le domande e, come nel caso del reddito di solidarietà, gestire e coordinare i progetti di attivazione sociale connessi. A Rimini le domande complessive, per entrambi gli interventi, hanno superato quota mille e cento. Di queste più di trecento hanno riguardato il Reddito di solidarietà, più di ottocento il Reddito di inclusione. Si tratta di ordini di grandezza, vista la complessa gestione degli strumenti, che devono fare interagire tra loro le banche dati della Regione Emilia-Romagna e dell'INPS, e la novità assoluta di entrambi gli strumenti. Il primo periodo di apertura delle domande, dunque, è coinciso con il necessario periodo di assestamento, vista anche la mole delle domande pervenute.


SANTARCANGELO DI ROMAGNA: Distrugge il distributore di una stazione di servizio, denunciato un 50enne. Cronaca

SANTARCANGELO DI ROMAGNA: Distrugge il distributore di una stazione di servizio, denunciato un 50enne.

I Carabinieri della Stazione di Santarcangelo di Romagna, nella mattina di venerdì, a seguito di mirata attività info-investigativa, hanno denunciato in stato di libert, per il reato di furto aggravato e danneggiamento, ​un 50/enne originario del cesenate, gi noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia. L’uomo, in data 12 gennaio u.s., alle ore 01:50 circa, si e recato presso un’area di servizio sita a Santarcangelo di Romagna. Qui, dopo aver atteso di essere da solo, utilizzando la propria autovettura, ha abbattuto in retromarcia un distributore automatico di prodotti per la pulizia dell’auto ivi presente e, dopo aver asportato la somma in denaro di euro 100,00 circa, si dava alla fuga. Solo l’indomani i titolari del distributore si accorgevano del patito furto, sporgendo denuncia presso la locale stazione Carabinieri. L’immediata attività investigativa, posta in essere con metodiche tradizionali, grazie anche all’ausilio di alcune telecamere di sorveglianza presenti in zona, consentire di individuare il responsabile del reato che stato segnalato all’Autorit Giudiziaria.


FORLIMPOPOLI: Gli operai della Maraldi scendono in piazza per salvare l’azienda Attualità

FORLIMPOPOLI: Gli operai della Maraldi scendono in piazza per salvare l’azienda

Un ultimo appello per cercare di salvare l’azienda e il proprio lavoro. Giovedì mattina si è svolta la manifestazione degli operai e degli impiegati delle Officine Maraldi Bertinoro contro la chiusura e per chiedere il rilancio della loro azienda. Le Officine sono già fallite, nelle prossime settimane sono previste le aste giudiziarie per cercare di vendere complesso produttivo in un blocco unico. La prima asta, che partiva da un valore di 4 milioni di euro, è andata deserta. Sono 50 i dipendenti, che sono al momento in cassa integrazione, ma che rischiano di finire in mobilità nei prossimi mesi. Le Officine Maraldi - affermano i sindacati- rappresentano un pezzo di storia del territorio e  per 70 anni hanno dato lavoro a migliaia di persone”. Il corteo è partito dai cancelli, ormai chiusi, e si è diretto verso il centro di Forlimpopoli. Presente anche il sindaco di Bertinoro e i rappresentanti sindacali . 



EMILIA-ROMAGNA: Verso l’autonomia regionale, firma entro febbraio | VIDEO Politica

EMILIA-ROMAGNA: Verso l’autonomia regionale, firma entro febbraio | VIDEO

L’Emilia-Romagna si avvicina sempre di più a una maggiore autonomia regionale. “Entro febbraio- afferma il Presidente della Regione- potremmo firmare una intesa con il Governo sulle materie di cui abbiamo chiesto la competenza diretta”. Il negoziato con l’esecutivo nazionale, condiviso con la Lombardia, sta proseguendo e, già fra due settimane, potrebbero esserci le condizioni di tornare in Assemblea legislativa e chiedere il mandato a siglare l’accordo. Nel testo sottoscritto saranno definiti i criteri tecnici per la definizione delle risorse finanziarie connesse all'esercizio delle nuove funzioni e saranno individuati i meccanismi di finanziamento, nonché il metodo per la determinazione del costo di esercizio delle funzioni. "Se si concluderà con esito positivo- ha sottolineato il presidente- sarà un percorso di portata storica”. Il gruppo della Lega Nord ha spiegato come "l'obiettivo che abbiamo tutti è portare a casa più deleghe possibili e avvicinare così i cittadini alle scelte degli amministratori". Un dibattito di certo diverso rispetto a quelli passati, come sottolineato da Sinistra Italiana anche se da Fratelli d'Italia arrivano dubbi e perplessità.  Critiche arrivano anche dal Movimento 5 Stelle, che sottolinea come "la giunta non ha il mandato per la richiesta di ulteriori quattro competenze". Mentre Forza Italia resta più distaccata: "Abbiamo una valutazione positiva sul metodo, per quella sul merito aspettiamo". Il Partito Democratico spiega come "stiamo facendo quello che dobbiamo fare" e da questo dibattito a cui "tutti stanno dando un contributo" si arriverà a una trattativa sull'autonomia da cui non si può tornare indietro.”