BASSA ROMAGNA: Arriva la 9° edizione di “Colpi di Scena”, con diversi spettacoli per ragazzi- FOTO

Accademia Perduta/Romagna Teatri, con il sostegno di Mi.B.A.C.T. – Ministero per i Beni Culturali, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bagnacavallo e Comune di Faenza, propone la nuova edizione di “COLPI DI SCENA”, vetrina delle più importanti e significative produzioni di teatro ragazzi dell'Emilia-Romagna. Spazi teatrali convenzionali (quali il Teatri Masini di Faenza, il Goldoni di Bagnacavallo e il Rossini di Lugo) si alterneranno ad altre location particolari (Teatro Masini Estate e Ridotto del Masini di Faenza, Teatro Binario di Cotignola) e a luoghi inediti e inusuali per il teatro (Sala Oriani, Scalone del Convento di San Francesco, Corridoio o Galleria ex Scottona, Salone Ex Cobar di Bagnacavallo), strade, piazze e chiostri per ospitare 21 spettacoli in tre giorni, da lunedì 4 a mercoledì 6 luglio 2016, ai quali assisteranno numerosi Direttori e operatori teatrali italiani ed europei.nIl teatro ragazzi dell'Emilia-Romagna rappresenta un’eccellenza a livello europeo dello spettacolo per l’infanzia e la gioventù e la vetrina “Colpi di Scena” vuole essere importante e preziosa occasione per constatare tale eccellenza creativa, proponendola gli organizzatori-ospiti, così come ai cittadini romagnoli, per poi essere esportato nei più prestigiosi Teatri d’Italia e d’Europa. Edizione dopo edizione, Colpi di Scena ha costantemente seguito una filosofia di “crescita” che l’ha portato ad essere, per gli operatori teatrali e quelli del teatro ragazzi in particolare, un’opportunità di osservazione e di confronto sulle nuove produzioni delle numerose e importanti Compagnie storiche così come delle giovani formazioni che operano nel territorio della Regione Emilia-Romagna. Pur confermando questa sua imprescindibile missione, “Colpi di Scena” 2016 sarà anche osservatorio privilegiato, in Italia, per le Compagnie, gli Artisti e i programmatori provenienti dall’Europa. Grazie alle importanti e pluriennali tournée estere delle sue produzioni, Accademia Perduta/Romagna Teatri ha potuto infatti ampliare i propri contatti, le proprie relazioni e le proprie collaborazioni, traducendoli in una forte presenza di programmatori stranieri e connotando così la vetrina come un’ottima opportunità per il teatro europeo del settore di trovare anche in Italia un luogo d’incontro professionale, suggestioni, nuove idee.

 

 

Condividi.