wpid-giornalisti.jpg

BOLOGNA: Caso “ospiti di lusso”, l’Ordine dei Giornalisti vuole chiarezza

Cinque consiglieri dell'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia-Romagna, con un documento, affermano di confidare "pienamente nelle autonome valutazioni del Consiglio territoriale di disciplina, l'organo a cui competono le decisioni sulle violazioni disciplinari degli iscritti all'Albo", in relazione a quanto riportato nei giorni scorsi da alcuni articoli di stampa in seguito ad una interpellanza del M5S presentata in Assemblea legislativa della Regione, relativi a giornalisti definiti "ospiti di lusso" a carico di Apt Emilia-Romagna a fini di promozione turistica del territorio. Fra questi viene indicato anche il nome dell'attuale presidente dell'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia-Romagna, Antonio Farnè. I consiglieri – Mara Cinquepalmi, Francesca Domenichini, Beppe Errani, Silvestro Ramunno e Mauro Sarti – condividono "l'iniziativa presa dall'ex presidente Claudio Santini, sebbene sia scaduto il suo mandato e ancora non insediato il nuovo Consiglio, di mettersi subito al lavoro per raccogliere le, non facili, informazioni tecniche procedurali utili a far luce su quanto accaduto e convocare al più presto il vecchio Consiglio di disciplina, se nel frattempo non si sarà insediato quello nuovo". I consiglieri ricordano a tutti i colleghi le disposizioni contenute all'articolo 2 (Fondamenti deontologici) del Testo Unico dei Doveri del Giornalista, che vietano al giornalista, tra le altre cose, di accettare "privilegi, favori, incarichi, premi sotto qualsiasi forma (pagamenti, rimborsi spese, elargizioni, regali, vacanze e viaggi gratuiti) che possano condizionare la sua autonomia e la sua credibilità". "Riteniamo infine – aggiungono – che l'operato di giornalisti, editori e istituzioni debba essere sempre improntato alla massima trasparenza nei confronti dell'opinione pubblica e ribadiamo che non risultano al momento segnalazioni o esposti nei confronti di iscritti all'Ordine dei giornalisti dell'Emilia-Romagna". I consiglieri hanno già invitato il Presidente a convocare al più presto il Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna.

Condividi.

Notizie correlate