CESENA: Lavori diga di Mosul, pronti a partire i primi 70 operai – VIDEO

“Stiamo seguendo l'evoluzione della diga fin dal 2009”. Queste le parole di Stefano Trevisani, amministratore delegato di Trevi, azienda cesenate finita, non come prima volta, alla ribalta della cronaca in quanto scelta dal governo iracheno per riqualificare la strategica diga di Mosul, nei pressi della capitale Baghdad. Secondo quanto dichiarato, saranno circa 70 i primi operai pronti a partire già dalla fine di marzo, per iniziare ad allestire il cantiere che dovrà intervenire al fine di evitare un disastro. Si perché ormai l'infrastruttura risulta logorata nelle fondamenta ed un eventuale cedimento potrebbe causare una vera e propria ecatombe. Si pensi che sono circa un milione e mezzo le persone che vivono nelle vallate adiacenti. In primo luogo Trevi allestirà una sorta di cittadella degli addetti ai lavori, nella quale ruoteranno circa 1000 persone. Come noto, a pochi passi da Mosul sono attivi gli estremisti islamici dell'Isis, per questo l'Italia è pronta ad inviare un contingente a protezione delle operazioni. “E' necessario agire subito” prosegue lo stesso Trevisani, sottolineando come attualmente nell'invaso il livello di acqua venga mantenuto basso per non aumentare la pressione dell'acqua. I lavori dureranno 18 mesi e saranno iniettate siringhe di uno speciale cemento che hanno come obiettivo regalare serenità ai tanti abitanti della zona.

Condividi.

Notizie correlate