bimbi

CESENA: NASCE L’OSSERVATORIO DEI DIRITTI DEI BAMBINI- FOTO

Dopo il confronto aperto e partecipato sui bambini e sui loro diritti, tenutosi in Biblioteca Malatestiana nella mattinata di sabato 19 dicembre, l’Amministrazione comunale, insieme alle associazioni cesenati che lavorano per contrastare la povertà e tutelare l’infanzia, è pronta per sviluppare nuove attività. “La condizione di povertà di oltre 800 bambini in città – dichiarano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai servizi per le persone Simona Benedetti – non può lasciarci indifferenti. Durante il momento pubblico di riflessione su questo tema, abbiamo condiviso con i cittadini, con tanti enti ed associazioni, la necessità di pensare bene alla condizione dell’infanzia cesenate, con l’obiettivo di offrire a tutti i bambini le medesime opportunità di inclusione, di studio e di relazione sociale”.  “Abbiamo condiviso questa idea – sottolinea il Sindaco Lucchi e l’Assessore Benedetti – con il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Emilia-Romagna, che ci ha già assicurato la sua partecipazione attiva. Dell’Osservatorio, inoltre, dovranno fare parte i rappresentanti delle altre istituzioni pubbliche interessate (dalla scuola alla sanità), ma anche i rappresentanti del volontariato attivo in questo ambito e della società civile. Dovrà essere luogo di confronto continuativo e vivace, di elaborazione dei problemi e di individuazione di nuove risposte ai bisogni dei nostri bambini”. Durante il convegno, il focus è stato acceso sulle differenze economiche e sociali che minano la partecipazione attiva di tutti i bambini alla vita di comunità e minacciano la crescita serena dei nostri piccoli più poveri. In particolare, oltre ai beni di prima necessità, si è centrata l’attenzione sulle limitazioni obbligate nello studio, nelle uscite e gite, nel praticare uno sport o suonare uno strumento. Per cercare di limitare queste condizioni di disagio, già dal 2016 il Comune interverrà con la messa a disposizione di un fondo finalizzato, dedicato ai bambini in carico ai servizi sociali, per permettere loro di praticare una disciplina sportiva. Insieme all’ASP Cesena Valle Savio, infine, si stanno mettendo a punto i presupposti per permettere ai medesimi bambini che ne dimostrino l’attitudine, di accedere allo studio di uno strumento musicale.

 

Condividi.

Notizie correlate