wpid-ROMAGNA-VISIT-CARD.JPG

ROMAGNA: Arriva la Romagna visit card- FOTO

E’ già realtà la Romagna Visit Card 2016, la card turistica integrata dell’intero territorio romagnolo, che per il quinto anno mette in rete l’offerta della provincia di Forlì-Cesena insieme a quella di Ravenna e Rimini. Tradizionalmente in uscita nel periodo primaverile, vero inizio della stagione turistica, quest’anno la Card anticipa i tempi e già da oggi, nei principali uffici turistici ed in alcuni siti culturali, sarà a disposizione di turisti e residenti che potranno iniziare a scoprirne la ricca offerta: cultura, benessere, accoglienza, divertimento, enogastronomia, agevolazioni sui trasporti ed omaggi, tutto in un unico strumento di estrema comodità e convenienza. In particolare, grazie alla rinnovata collaborazione con la Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì, darà la possibilità di visitare gratuitamente la nuovissima mostra dei Musei San Domenico, “Piero della Francesca. Indagine su un mito”, che inaugurerà proprio questo fine settimana. Nata per volontà delle Amministrazioni provinciali con il contributo di APT Servizi Emilia Romagna, quest’anno la Romagna Visit Card si presenta ancora più ricca e forte, grazie ad un potenziamento della collaborazione con la rete di IAT-UIT dell’Emilia-Romagna per la sua promozione. A questo si aggiungono nuovi ingressi sia nel circuito di attrazioni completamente gratuite, 48 in totale, che tra le circa 60 proposte ad ingresso ridotto per le quali i possessori della Card potranno godere di sconti fino al 50%. Non solo cultura: la Romagna Visit Card 2016 è una vera e propria card territoriale, che consente l’accesso gratuito a beni storici ed artistici ma anche naturalistici e paesaggistici, a partire dal Planetario del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, nuovo ingresso tra gli attrattori gratuiti. Insieme a questo, ritroviamo Palazzo Romagnoli con le collezioni del Novecento, Palazzo Pretorio a Terra del Sole e tanti luoghi unici al mondo, alcuni dei quali patrimonio dell’Unesco come Basilica di Sant’Apollinare in Classe, Mausoleo di Teodorico e Domus dei Tappeti di Pietra a Ravenna e la Fortezza di San Leo (Rimini). Molte le novità anche nel circuito dei siti ad ingresso ridotto, dal Parco Archeologico di Classe alla Casa delle Marionette a Ravenna, e nel quale si confermano anche Casa Artusi a Forlimpopoli, il Museo Mambrini di Pianetto a Galeata, quello Interreligioso di Bertinoro e Palazzo Fantini a Tredozio; riduzioni sul biglietto sono previste anche per assistere a spettacoli del Teatro Diego Fabbri e della rassegna di comico al Piccolo, oltre che dell’Alighieri di Ravenna, come anche per gli eventi in programma nell’ambito del Ravenna Festival 2016. COME FUNZIONA: La Romagna Visit Card è una card personale, acquistabile al costo di 14 Euro a fronte di un risparmio complessivo calcolato di 236 Euro rispetto all’acquisto dei corrispondenti biglietti a prezzo intero. Valida fino al 6 gennaio 2017, consente di visitare la Romagna più volte nel corso dell’anno (unica condizione: ogni sito è fruibile una volta sola). La card potrà essere acquistata nell’intera rete degli IAT e degli uffici turistici del territorio romagnolo, oppure on line sul sito www.romagnavisitcard.it

 

Condividi.

Notizie correlate