soldi

EMILIA-ROMAGNA: Recuperati 250 milioni di euro di capitali detenuti all’estero

Oltre 250 milioni di euro: questa la prima stima del gettito recuperato in Emilia-Romagna attraverso la procedura di collaborazione volontaria per l’emersione dei capitali detenuti all’estero. L’incasso effettivo sarà determinato dall’attività di accertamento dell’Agenzia delle Entrate che, caso per caso, stabilirà in collaborazione con il contribuente l’imposta da versare. Le domande di accesso alla procedura ammontano in Emilia-Romagna a 9.343: si tratta per lo più di persone fisiche che, nella maggior parte dei casi, hanno dichiarato al fisco attività finanziarie e patrimoniali costituite o detenute fuori del territorio dello Stato. L’importo lordo recuperato a tassazione attraverso le auto-denunce dei contribuenti si aggira per l’Emilia-Romagna sui 5,8 miliardi di euro, quasi il 10% del dato nazionale. A differenza di quanto previsto da misure di emersione adottate nel passato, in questo caso il contribuente è tenuto a versare integralmente le imposte e gli interessi, con la riduzione delle sole sanzioni.

 

Condividi.

Notizie correlate