FAENZA: Prorogata la chiusura del 59° Premio Faenza al MIC- FOTO

E' stata  posticipata al 31 gennaio 2016 la chiusura della mostra del 59° Premio Faenza al Museo Internazionale delle Ceramiche. Doveva chiudere il 24 gennaio. La proproga è stata effettuata per permettere ai visitatori di Arte Fiera di raggiungere Faenza per ammirare le 130 opere in ceramica provenienti da tutto il mondo. Le opere sono state selezionate al 59esima edizione del Concorso Internazionale della Ceramica d'Arte Contemporanea, uno dei concorsi più importanti e longevi dedicati alla ceramica d'arte contemporanea del mondo. Lo storico Premio Faenza, nelle passate edizioni, ha visto la partecipazione di artisti del calibro di Lucio Fontana, Angelo Biancini, Guido Gambone, Leoncillo Leonardi, Pietro Melandri, Carlo Zauli – e stranieri – come Eduard Chapallaz, Sueharu Fukami – che hanno fatto, non solo la storia della ceramica del XX secolo, ma anche quella della scultura e della pittura del Novecento. Questa edizione si è distinta per la partecipazione di artisti di grande spessore che affrontano il materiale ceramico secondo un approccio di artigianato e design che si avvicina sempre più a una sensibilità prettamente artistica come dimostrano le opere dei vincitori e dei menzionatii: Silvia Celeste Calcagno, Helene Kirchmair, Thomas Stollar, Yves Malfliet, Kathy Ruttenber,Chiara Lecca,Marie-Laure Gobat-Bouchat, di Schoedel-Mueller&Nowk, Zsolt József Simon, Irina Razumoskay, Omur Tokgo, Nicholas Lee, Anna Van Hoe, Giulio Mannino, Erna Aaltonen. L’innovazione, la commistione dei materiale, l’attenzione ai temi, alle estetiche e ai temi contemporanei sono stati i criteri che hanno guidato la giuria (composta da Claudia Casali, Direttore del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, Monika Gass, Direttore del Keramikmuseum, Westerwald, Höhr-Grenzhausen, Germania; Grant Gibson, Direttore del Crafts Council Magazine, Gran Bretagna, e Daniela Lotta, storica dell’Arte e del Design, docente ISIA di Faenza) prima alla selezione dei partecipanti alla mostra, poi alla assegnazione dei premi.

Condividi.

Notizie correlate