FORLI’: Aeroporto, Halcombe fantasma e preoccupazione per i dipendenti – VIDEO

Ad oggi, nessuno dei 74 lavoratori dell’aeroporto ‘Luigi Ridolfi’ di Forlì è stato assunto nelle modalità e nei tempi previsti dall’accordo siglato il 21 maggio 2013, con il risultato che ognuno di essi si ritrova senza lavoro e senza la possibilità di fruire di ammortizzatori sociali”. Lo rileva Massimiliano Pompignoli consigliere regionale della Lega Nord in Emilia-Romagna, in un’interrogazione alla giunta per sapere perché dopo più di due anni, nessuno degli ex dipendenti del sito aeroportuale forlivese sia stato assunto nelle modalità e nei tempi previsti dall’accordo, disattendendone di fatto i contenuti e gli impegni sanciti con le sigle sindacali. Il consigliere chiede poi se corrisponda al vero che l’assessore ai trasporti Raffaele Donini, abbia evitato di incontrare una rappresentanza del comitato per la difesa, minimizzando le sollecitazioni degli ex dipendenti dello scalo, e se siano state sottoscritte delle assunzioni a tempo determinato o indeterminato, o collaborazioni esterne, da parte delle società partecipate dalla Regione Emilia Romagna a partire dal 21 maggio 2013 ad oggi e, in caso affermativo, che tipo di profili professionali siano stati selezionati e per quali mansioni. Nel frattempo Regione, provincia di Forlì-Cesena, comune di Forlì e Camera di commercio hanno creato un tavolo tecnico in cui approfondire le strade possibili per la ricollocazione dei lavoratori. Deciso anche di distribuire fra i lavoratori ex seaf quanto monetizzato con la vendita dei beni della società fallita. Sempre un’ombra, invece, Robert Halcombe, l’imprenditore statunitense che detiene la concessione che gli permetterebbe di riaprire l’aeroporto, ma dei lavori annunciati non ve n’è traccia ed il Ridolfi è in totale abbandono. Pessimista poi il sindaco di Forlì, Drei, sulla possibilità di nuovi investitori interessati a prendere il posto di Halcombe: non sono mai venuti fuori in passato e a quanto pare anche ora non c’è nulla di concreto.

Condividi.

Notizie correlate