FORLÌ: Al via l’edizione 2016 di Ipercorpo- FOTO

Mercoledì 25 maggio inaugura a Forlì Ipercorpo il festival internazionale dedicato alle arti al plurale che nell’arte, nella musica e nella performance quest’anno va a scandagliare “Cosa rimane”. Plurali sono le arti scandagliate dal Festival, ma anche i luoghi che il Festival abita e la direzione artistica che con le sue proposte interdisciplinari punta il suo sguardo verso l’Europa. Negli anni Ipercorpo ha chiamato a raccolta alcune figure che hanno aiutato ad ampliare i punti di riferimento, portando la costellazione di oggi a declinarsi al plurale: non un direttore artistico ma una direzione artistica polifonica che ha saputo assumere il peso del dono, eccedendo la misura dell’atteso. Claudio Angelini, Mara Serina, Valentina Bravetti, Silvia Mei per il teatro, Davide Ferri per l’arte, Davide Fabbri ed Elisa Gandini per la musica, rappresentano sette specificità che hanno saputo moltiplicare i loro saperi in favore di un progetto artistico condiviso che verso il contemporaneo punta la sua rotta. Interverranno sul tema: Casa del cuculo (artigianato culturale), Slow food  (cultura del cibo), Silvia Naddeo (artista), Sovraesposti (videomaker), Michela Mazzoli (artista), Gianni Cerami (Docente Universitario, Urbanistica), Sunset, Spazi indecisi sul tema della rigenerazione degli spazi in abbandono, Area Sismica sulla musica contemporanea e lo storico Jhonny Bergamini. Nello spazio Monte-Regnoli 41 alle ore 21.00 l’apertura del festival Ipercorpo 2016 vede susseguirsi interventi brevi sul tema “cosa rimane” dove artisti, operatori ed esperti di diverse discipline saranno chiamati a confrontarsi sul focus dell’edizione 2016.

 

Condividi.