RAVENNA: Ancora incertezze per il futuro di Cisa e Versalis -VIDEO

Il tema del lavoro è e continua ad essere la preoccupazione per tante famiglie, anche del ravennate, e tra le tante aziende in difficoltà, ce ne sono due delle quali parliamo da tempo ma per le quali non è ancora arrivata la soluzione definitiva. Si tratta di Cisa a Faenza e Versalis a Ravenna. La prima, azienda specializzata nella produzione di lucchetti e serrature, attende un incontro per il 24 marzo prossimo  al Ministero dello Sviluppo Economico, il primo tra la proprietà, la multinazionale delle chiusure di sicurezza Allegion, e i sindacati dopo la firma degli accordi sulla ristrutturazione dell'azienda. Sono un centinaio i dipendenti che hanno raggiunto un accordo con l’azienda per dimettersi e saranno circa 130 i posti di lavoro che si perderanno, Per Versalis invece, azienda del settore chimico ravennate che in città impiega 750 persone, sarà chiesto ad Eni e Governo di mettere in campo gli investimenti necessari per la difesa del lavoro. Le trattative, come sappiamo, sono da tempo in via di definizione  con il fondo americano Sk Capital al quale Eni potrebbe vendere il controllo dell’azienda chimica. Nonostante le evidenti preoccupazioni espresse dai lavoratori ravennati, Eni starebbe portando avanti la trattativa tenendo in primo piano il mantenimento delle aziende e dei posti lavoro ma a “scadenza” e per sindacati e amministrazione ravennate non viene considerato sufficiente.

Condividi.

Notizie correlate