RAVENNA: I Comuni di Riolo Terme e Imola si contendono i proventi della discarica -VIDEO

Ci sarebbero due milioni di euro in ballo e soltanto il Tribunale a questo punto potrà mettere pace alla questione che vede coinvolti due Comuni, quello di Riolo Terme nel ravennate  e quello di Imola, nel territorio al confine tra Emilia e Romagna. Al centro del contendere ci sarebbero i proventi della discarica Tre Monti e il disagio ambientale che, dopo l’aumento della capacità del sito di ricevere rifiuti solidi urbani, tutte le comunità dovranno sopportare e si tratta di capire la percentuale di indennizzo economico che le due amministrazioni potranno spartirsi. La discarica ‘Tre Monti’, che tanto anima le amministrazioni,  si trova all’estremità sud del territorio comunale di Imola, in località Pediano ed ha una capacità di circa 5 milioni 258 mila tonnellate di rifiuti e raggiungerà la saturazione nel 2016. L’accordo che si sarebbe dovuto raggiungere non è invece ancora arrivato e le spettanze sono state stabilite da una delibera dell’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti, Atesir,  rispettivamente al 68,14 per il Comune di Riolo Terme e per il rimanente 31,86% al Comune di Imola.Numeri che però non hanno soddisfatto il Comune di Imola che non sembra disponibile ad accontentarsi di meno di un terzo dell’importo totale ed ha fatto quindi ricorso al Tar per chiedere l’annullamento della delibera. Il Comune fa leva anche sul fatto che la percentuale di indennità era stata inizialmente stabilita al 90% per Imola e appena il 10% a Riolo Terme. E’ ora in corso una valutazione di impatto ambientale per la proposta di ampliamento e la realizzazione di un nuovo lotto, per oltre un milione emzzo di tonnellate di rifiuti,  tra Imola e Riolo, voluto dai proprietari ConAmi e HerAmbiente. 

Condividi.

Notizie correlate