RICCIONE: Marano, ormai è solo un triste silenzio – VIDEO

Silenzio al Marano. La zona dei locali notturni sulla battigia nord di Riccione, di tendenza negli anni scorsi, vive una nuova fase segnata dallo spopolamento. Saranno contenti i residenti della zona che per lungo tempo hanno protestato contro gli eccessi di decibel emanati dai dj set. Di meno i proprietari dei discobar che contano una clientela ridotta all’osso, costretta all’1.30 di notte nei giorni feriali (un’ora dopo in quelli festivi) a spostarsi verso altri lidi o a rincasare. L’ordinanza comunale della giunta Tosi ha infatti costretto i gestori a spegnere la musica ad un orario che, per la movida rivierasca, è sempre coinciso con il momento di massimo riempimento dei locali.

Abbiamo fatto visita all’area, che prende il nome dal torrente Marano, in una serata che tempo addietro avrebbe visto una fiumana di giovani turisti mettersi in coda sul lungomare, all’ingresso dei parcheggi e delle discoteche. Tra i locali, oggi, c’è chi prova a reinventarsi attraverso eventi più ristretti e per un pubblico più adulto e sofisticato. Ma niente più tendenza di massa e guadagni importanti.

Condividi.

Notizie correlate