nordwind.png

RIMINI: La compagnia russa Nordwind torna a volare al Fellini

Nordwind Airlines, compagnia area con base a Mosca, torna a volare al Fellini di Rimini. Dopo che recentemente era stato annunciato il trasferimento sull’aeroporto di Ancona, la società che gestisce lo scalo, Airiminum, è riuscita a convincere la compagnia a tornare a collegare Romagna e Russia. Un ritorno a casa per Nordwind quindi, dopo uno stop di sole tre settimane. Da domani verrà operato un volo a settimana, per mezzo di un Boeing 777 in grado di trasportare 393 passeggeri. 

Non senza polemiche: 

“Siamo molto felici di questo ritorno “a casa” di Nordwind – dichiara l’Amministratore Delegato di AIRiminum 2014 S.p.A. Leonardo Corbucci –  dopo un esilio forzato di sole tre settimane. Dobbiamo per questo ringraziare la compagnia e i nostri partner russi con cui crediamo di aver trovato una base su cui costruire un percorso strategico solido e duraturo per i prossimi anni, nella consapevolezza che il livello qualitativo dei servizi dell’Aeroporto Fellini e l’accoglienza loro riservata dal territorio siano in grado di soddisfare le aspettative dei passeggeri di Nordwind.

Quello che ci fa indignare e ci lascia perplessi – aggiunge Corbucci – è che il nostro tentativo faticoso di innovare il settore dei medi aeroporti italiani attraverso nuove modalità gestionali orientate sull’efficientamento e l’autosufficienza economica venga costantemente boicottato da operazioni spesso in perdita e senza alcun ritorno per il territorio di riferimento, praticate da aeroporti che si sostengono esclusivamente su fondi pubblici.

Aeroporti gestiti da società spesso e volentieri in forte crisi strategica, con un livello di indebitamento non più sostenibile e con difficoltà a garantire il pagamento regolare dello stipendio ai propri lavoratori – ad eccezione dei manager -, che determinano con tali pratiche una situazione di far west a danno degli aeroporti stessi che, nel 99% dei casi, corrisponde alla triste equazione ‘a danno dei contribuenti italiani’.”

Condividi.

Notizie correlate