RIMINI: Nuove fogne, importanti progressi sulla dorsale sud – LE FOTO

Meno di otto mesi. Questo il tempo d’impiego della ‘Talpa’ meccanica per realizzare un nuovo condotto fognario lungo circa 1 chilometro, e passante sotto le vie Roma, Bassi e Giuliani a 8 metri di profondità. Era il 28 aprile scorso, infatti quando è iniziato il lavoro di perforazione e nel pieno rispetto del cronoprogramma, ha permesso la realizzazione di quest’importante opera, fondamentale per la realizzazione del Piano di Salvaguardia della Balneazione Ottimizzato.

E’ stato un lavoro sotterraneo, complesso e delicato, in un punto nevralgico per il traffico cittadino e che, grazie alla tecnologia del microtunneling impiegata, si è svolto senza modifiche sostanziali alla viabilità cittadina. Il nuovo condotto fognario ha un diametro interno di 1.600 mm e ha come scopo quello di ridurre la portata delle acque oggi convogliate al bacino denominato “Colonella I”.

Il progetto, realizzato dai tecnici di Hera ha avuto un costo dei lavori di circa 2 milioni e mezzo di euro, interamente finanziati dal Comune di Rimini attraverso le risorse intercettate con il Piano per la Valorizzazione della Città.

“E’ un altro importante traguardo che tagliamo – dichiara il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi – in quello che, allo stato attuale, è il più grande programma di risanamento ambientale in atto in Italia. Siamo in linea con la tabella di marcia, andando nel 2016 a chiudere alcuni sforatori a mare, con l’obiettivo di terminare tutti gli 11 interventi previsti dal PSBO entro il 2020. Dopo il raddoppio del depuratore, Rimini Isola, la regolarizzazione degli allacci, l’avvio del cantiere in piazzale Kennedy, lo sfondamento della ‘talpa’, in tempi rapidissimi, dimostra ancora una volta l’intensità e la determinazione dell’amministrazione comunale di Rimini nel voler sanare un problema storico per la nostra città. Non con interventi spot ma con una pianificazione che nel giro di pochi anni farà di Rimini la città all’avanguardia nel Paese per la tutela del suo mare”.

Sempre in questi giorni è partito il Secondo stralcio dell’intervento con l’accantieramento dell’area presso il parcheggio Cervi e presto la fresa si metterà a scavare un nuovo tratto di condotta, dall’area posizionata all’incrocio tra le vie Tripoli, Roma e Bassi fino a quest’area, dove è prevista la costruzione di un sollevamento. Anche in questo caso l’innovativa tecnologia di ‘microtunneling’, con cui Hera ha eseguito sinora il primo stralcio, consentirà di posare le condotte necessarie sotto rilievi naturali, o strade di notevole importanza in centri urbani, senza la necessità di ampi scavi ad eccezione dei punti in cui vengono calati i tubi e le attrezzature necessarie.

Complessivamente questo secondo stralcio dell’intervento prevede la connessione tra il condotto realizzato con la “Talpa” nel primo stralcio e la vasca Colonnella I. Oltre all’area cantierata oggi, i lavori interesseranno diverse aree della zona con  la costruzione di pozzi di spinta negli spazi delle scuole Valturio e sempre mediante l’utilizzo della talpa, con la posa di altri tratti di condotte sotterranee in diversi punti dell’area e che si connetteranno al percorso della Dorsale Sud ed al pozzo di spinta situato all’incrocio tra viale Tripoli e via Roma. Il termine per i lavori di questo secondo stralcio, è previsto per il prossimo autunno.

L’intervento denominato “Dorsale Sud” si concluderà con un terzo ed ultimo stralcio che prevede la realizzazione di un impianto di sollevamento e la posa di una condotta dedicata di collegamento all’ex depuratore Marecchiese, in corso di riconversione in vasca di accumulo.

Condividi.

Notizie correlate