RIMINI: Pensioni, riminesi i più poveri, l’evasione il problema – VIDEO

Sono 95.562 le pensioni attualmente erogate nella provincia di Rimini, che da un recente studio sono risultate essere mediamente le più basse in tutto il contesto regionale. 761,95 Euro questa infatti la media che ogni pensionato riminese riceve ogni mese, nettamente sotto il dato regionale che si attesta a 893.53, quindi con una differenza di circa 130 euro. Un dato che colpisce maggiormente se lo si raffronta con quello relativo a Bologna che raggiunge una media di 1.116 euro e spiccioli di media per ogni assegno mensile. Ma perché questo dato così basso? Il motivo pare vada ricercato sempre in uno dei problemi storici della città di Rimini e cioè l’altissimo tasso di evasione fiscale che ieri più di oggi caratterizza il capoluogo turistico. Se infatti, in tutta la loro vita, piccoli imprenditori, commercianti e artigiani hanno sempre dichiarato al fisco il minimo indispensabile è ovvio che poi arrivati alla pensione l’Inps corrisponda oggi un importo relativo a quanto versato negli anni di lavoro. Secondo la CGIL, bisogna comunque porre l’accento sulla stretta relazione tra pensioni basse e bassi consumi. Sempre per il sindacato, un’altra causa va ricercata nell’alto tasso di persone che nella loro vita hanno lavorato in forma stagionale, modalità che anche in questo caso non ha permesso il versamento di contributi significativi. Come nella favola della cicala e della formica, oggi a lamentarsi potrebbero dunque essere proprio coloro nella loro vita hanno fatto le cicale, pensando molto poco alla propria vecchiaia.

Condividi.

Notizie correlate