RIMINI: Psc approvato. Ecco come cambierà la città – VIDEO

Il PSC, piano strutturale del Comune di Rimini, è stato approvato dal Consiglio comunale nella giornata di ieri, mercoledì 4 novembre. Dopo aver approvato la Relazione Tecnica Illustrativa che accompagna l’atto nella giornata di martedì, ieri il Consiglio ha riaggiornato i lavori e approvato con voto a maggioranza (17 i voti favorevoli, 8 i contrari, una astensione), al termine di un confronto di oltre quattro ore, la proposta deliberativa denominata “Approvazione delle controdeduzioni alle riserve provinciali ed alle osservazioni e conseguente approvazione della proposta di Piano strutturale comunale (P.S.C.) modificato”. Sono state 1249 le osservazioni al Piano strutturale presentate dai cittadini, contenenti 1448 richieste, che sono state esaminate e controdedotte una per una. Il PSC contiene diverse peculiarità: è stato aggiornato, infatti, con tutte le più recenti novità normative a livello statale e regionale, recependo in particolare anche le possibili misure incentivanti alla qualificazione del patrimonio edilizio esistente in forza dell’art. 7Ter della LR 20/00. Si tratta, altresì, di un piano dotato di uno studio di micro-zonazione sismica finalizzato alla riduzione del rischio sismico. Il nuovo disegno della città rappresenta una realtà più compatta e coesa, orientata alla saturazione delle porposità del tessuto consolidato e individua ambiti di possibile espansione concentrati, notevolmente ridotti rispetto alla versione adottata e compresi solo all’interno del Territorio Urbanizzato. Nello specifico, verrà realizzato un nuovo grande parco urbano nell’area compresa tra la Sacramora, le aree adiacenti il Cimitero monumentale fino al Parco della Pace. Tra le connessioni verdi assumerà particolare rilevanza il progetto dell’Anello Verde, una grande circonvallazione verde interamente ciclabile che collegherà i parchi, il lungomare, il centro storico e il forese. Il consumo di suolo, poi, è stato fortemente perseguito ed il dimensionamento del piano è stato reindirizzato sostanzialmente verso interventi di recupero e di riqualificazione dell’esistente. Un Piano strutturale comunale che restituisce, sostanzialmente, terre e parchi alla cittadinanza tutta.

Condividi.

Notizie correlate