RIMINI: Stop gestione Tribunale, il Comune risparmierà circa 9 milioni di euro – VIDEO

Addio alle spese di gestione del tribunale: il Comune di Rimini taglia 9 milioni di euro. Dopo 75 anni di attesa ci penserà il Ministero, infatti, ad occuparsi del Palazzo di Giustizia riminese. Illuminazione, riparazioni, manutenzione e pulizia ma anche bollette per l'acqua, riscaldamento e telefono. Fino al 2015 Palazzo Garampi ha dovuto sostenere ingenti costi grazie ad una legge risalente al 1941 e firmata da Mussolini. Ora la musica cambia perché, tra l'altro, con il passare del tempo a causa della crisi lo Stato non ha più restituito i soldi al Comune di Rimini accumulando così un debito di euro 5,8 milioni. Risorse finanziarie che potevano benissimo esser usate per diversi interventi in città, come l'attuale riqualificazione di Piazza Malatesta o piste ciclo-pedonali. Ma quando saranno restituiti quei soldi? Non si sa. L'unica certezza è che dal 2016 e quindi da quest'anno, Palazzo Garampi, si libererà di un bel fardello andando a risparmiare circa 9 milioni di euro. Quest'ultimi sono già stati impegnati fino al 2024. Il passaggio di spese effettivo è avvenuto formalmente il primo settembre scorso ma poi diventato effettivo il 31 dicembre vista la richiesta dello stesso tribunale di continuare fino alla fine dell'anno. E così l'ultimo sforzo del Comune per i quattro mesi restanti si è aggirato sui 140,324 euro. Le spese di gestione degli uffici giudiziari a carico dell'amministrazione comunale ammontavano a oltre un milione di euro ogni anno. Ora, liberatosi da questo impegno di origine mussoliniana e di non poco conto, Palazzo Garampi potrà investire le risorse su altri fronti e sperare che lo Stato, prima o poi, gli restituisca i soldi anticipati. 

Condividi.

Notizie correlate