RIMINI: Tombamento dell’Ausa, inizio lavori per la riqualificazione dell’accesso alla spiaggia da piazzale Kennedy

Sono sulla spiaggia, pronti ad essere posizionati nella sede definitiva, i grandi scatolari in cemento armato entro cui scorreranno, nel tratto finale dal lungomare al mare, le acque dell’Ausa in caso d’apertura degli sfioratori a mare. 

Un intervento, collegato alla realizzazione delle vasche di laminazione Ausa attualmente in corso in piazzale Kennedy, che ha come l’obiettivo primario quello di risolvere in maniera definitiva il problema delle emissioni odorigene che si generano occasionalmente in concomitanza degli eventi di sfioro nonché la riqualificazione generale dell’ultimo tratto dell’Ausa nel pieno rispetto dei requisiti igienico-sanitari.

Ma non sarà solo un intervento idraulico e ambientale quello in corso di realizzazione, ma si caratterizzerà anche per la qualità delle soluzioni architettoniche adottate. L’intervento prevede infatti che la copertura dei manufatti avvenga mediante la realizzazione di un percorso che si configurerà come collante con il lungomare e Piazzale Kennedy, garantendo un accesso pubblico alla spiaggia che, oltre a permettere un percorso pubblico di pregio al mare, risulterà una connessione qualificante anche per i bagni limitrofi. I percorsi genereranno diversi ambiti sia per la sosta che per l’accesso alla spiaggia e al mare; gli ambiti di sosta verranno sottolineati dalla fusione con la spiaggia tramite l’elemento della duna verde; le fasce laterali delle passeggiata dall’alternanza di tre elementi: i gradini, le sedute e le dune.

Dal punto ingegneristico, la soluzione progettuale prevede la demolizione delle struttura esistenti e la posa in opera di manufatti di dimensioni 4,50×2,50 metri. La posa avverrà mediante la progressiva demolizione e ricostruzione per conci da monte verso valle. Allo sbocco l’opera sarà dotata di speciali valvole che ostacoleranno l’ingresso di sabbia all’interno dei manufatti provocata dal moto ondoso.

“Abbiamo fortemente voluto – hanno detto il Sindaco Andrea Gnassi e l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Biagini – questo intervento di riqualificazione ambientale e , nel contempo urbana, in linea con quanto stiamo facendo per trasformare un problema in un’opportunità. Convinti della necessità di rifare il ‘sotto’ riqualifichiamo anche il ‘sopra’, e così come la grande vasca di piazzale Kennedy porterà con sé il restyling della parte in superficie, questo intervento restituirà alla città una parte del suo arenile sinora inutilizzabile, trasformandolo nelle funzioni e nell’uso.”

E’ stato infatti in occasione della Conferenza di Servizi del 5 febbraio scorso, che il Comune di Rimini ha richiesto come prescrizione indifferibile quella di inserire all'interno dei lavori in appalto anche la realizzazione del tombamento della parte terminale del canale Ausa nelle modalità progettuali ora approvate.

L’intervento è collegato all'intervento “PSBO – Vasche di laminazione Ausa e condotte sottomarine”. Prevista prima dell'inizio della stagione balneare 2016 la fine lavori.

Condividi.

Notizie correlate