RIMINI: Tribunale, carenze a livello di organico. Rischio blocco – VIDEO

Il tribunale di Rimini è a rischio blocco a causa di poco personale. Una situazione critica che si protrae da anni viste le legittime determinazioni di alcuni dipendenti di andare in pensione o di richiedere il trasferimento. La percentuale di scopertura del personale con potere di firma è arrivata al 36,43%. L'anno scorso era al 32,36%. Mancano giudici, cancellieri, funzionari. Un allarme lanciato ancora una volta dal presidente del foro riminese Rossella Talia, che denuncia la intollerabile carenza di personale in cui versa la giustizia. "Una grave situazione di sottodimensionamento di magistrati e personale amministrativo", ha dichiarato il presidente in occasione della riunione straordinaria del Comitato direttivo centrale dell'Associazione magistrati. Il tribunale di Rimini continua infatti ad essere "per pianta organica il penultimo tribunale del distretto: e questo nonostante il carico dei numerosi processi della Direzione distrettuale antimafia, che lo collocano al secondo posto in regione dopo Bologna". La sede attuale del Tribunale di Rimini è stata dichiarata disagiata nel 2011 ma finora nulla è cambiato, anzi peggiora, non avendo dunque la stessa dignità delle sedi vicine. La speranza è che il Ministero intervenga al più presto. Secondo la Talia si sottovaluta la questione non tenendo conto dei diversi milioni di presenze turistiche ogni anno e delle infiltrazioni di gruppi della criminalità organizzata.

Condividi.

Notizie correlate