ROMAGNA: Una proposta di legge per regolamentare la qualità del servizio meteorologico – VIDEO

Parte da Rimini la proposta di legge per fermare il cosiddetto “meteo terrorismo” e difendere l’industria della vacanze.
Infatti l’Italia è l’unica in Europa insieme alla Grecia a non avere ancora un sistema meteorologico nazionale civile e le previsioni sono amministrate da una struttura complessa e variegata, suddivisa tra servizi nazionali (come il Servizio Meteo dell’Aeronautica Militare), servizi regionali pubblici (Arpa), settori della ricerca, dell’accademia, associazioni e privati. Inoltre, chiunque voglia aprire un sito web e fornire anticipazioni sul tempo può farlo liberamente e senza alcun controllo o supervisione sulla qualità dei servizi meteo diffusi.
La mancanza di un coordinamento, spiega Tiziano Arlotti, deputato Pd e primo firmatario della proposta, «non aiuta a creare regole di comportamento né favorisce il rispetto di un codice deontologico per la diffusione di dati meteo, oltre a danneggiare fortemente chi opera con serietà». Per questo, oltre all’istituzione di un codice di condotta, si invoca anche la creazione di un elenco di metereologi che garantisca sulla qualità delle informazioni divulgate e un iter formativo e professionale obbligatorio.
L’obiettivo, dichiara Arlotti, è di porre uno «stop alle previsioni di maltempo, che spingono a consultare più spesso i siti per verificare eventuali cambiamenti, e stop a frasi ad effetto e allarmistiche».

Condividi.

Notizie correlate