SAN MARINO: Multe, vita dura per i sammarinesi – VIDEO

Vita dura per gli automobilisti sanmarinesi, per i quali sarà sempre più difficile evitare multe e contravvenzioni prese in Italia. Stiamo parlando di un affare che nel 2015 ha portato alla notifica di oltre 5.000 segnalazioni rivolte ai cittadini del titano che, se sommate alle multe degli altri automobilisti stranieri, arrivano a superare le 10mila unità, per un tesoretto dal valore di oltre 700mila euro. Fino ad oggi, tuttavia, i contravventori avevano a disposizione un’ arma in più per evitare il pagamento: quello della prescrizione, che scattava a meno di un anno dalla contravvenzione e, se non veniva notificata per tempo la multa, annullava di fatto tutto il procedimento. Il nodo sta tutto qui, quando scattano i termini della prescrizione? Nel momento in cui avviene la contravvenzione e nel momento in cui viene identificato l’intestatario della vettura? Su questo si è da poco pronunciato il tribunale di Rimini, in merito all’appello proposto da un cittadino sanmarinese al quale è stata presentata una multa un anno e mezzo dopo l’avvenuta contravvenzione. Secondo l’automobilista, la multa non sarebbe valida in quanto sono passati più di 360 giorni dal fatto. Di diverso parere il tribunale, che ha decretato ufficialmente come il calcolo dei tempi per la prescrizione debba partire dal momento in cui viene effettivamente identificato il proprietario della vettura. “Nel caso in questione – si legge nella sentenza – l’identificabilità è avvenuta solo quando San Marino ha fornito le generalità del trasgressore, dovendo, pertanto, ritenersi solo da tale momento decorrente il termine di 360 giorni per la notifica”

Condividi.

Notizie correlate