wpid-papa.jpg

SANTARCANGELO: Consegna in ritardo l’abito a Papa Francesco, corriere condannato a maxi risarcimento

Per i dodici giorni di ritardo nella consegna dell’abito a papa Francesco, che il pontefice avrebbe dovuto indossare per celebrare la Pasqua del 2013, l’azienda Lavs di Santarcangelo ha ottenuto un maxi risarcimento da diverse centinaia di migliaia di euro, che verrà versato dal corriere Tnt, colpevole della grave mancanza. Lo ha deciso il tribunale di Torino, a cui l’azienda clementina, difesa dall’avvocato Linda Brunelli di Cesena, ha fatto causa dopo il misfatto. Lavs, che da sempre confeziona i preziosi abiti papali, aveva prodotto la veste in tempo per l’avvenimento, ma il corriere ha ritardato la consegna provocando grave disappunto nella Santa Sede. Nei mesi seguenti, la sartoria romagnola è riuscita a ricucire i rapporti con il Vaticano, tanto che l’abito che ha indossato papa Francesco per l’apertura del Giubileo in dicembre porta la sua firma. 

Condividi.

Notizie correlate