(VIDEO) EMILIA ROMAGNA: Piano anti-smog, le perplessità dei commercianti

Da oggi sono entrate in vigore le limitazioni antismog al traffico automobilistico nelle più importanti città della Romagna. Limitazioni che riguardano gli autoveicoli più anziani e quindi meno dotati di motorizzazioni e dispositivi anti inquinamento. In pratica a questi veicoli e interdetto l'accesso nei centri storici, con estensione della zona, orari e modalità che possono leggermente variare da comune a comune. Limitazioni, quelle del piano antismog, che vengono bollate come elemento di forte preoccupazione per le imprese del terziario, preoccupazione espressa a più riprese alla regione in diversi incontri, da parte di Confesercenti e Confcommercio dell'Emilia-Romagna. Le due organizzazioni ricordano in una nota di aver chiesto l'introduzione di diversi correttivi alle misure proposte, in parte accolti. Le perplessità, spiegano, nascono dal fatto che tali provvedimenti sono inefficaci nel contrasto all'inquinamento atmosferico nelle nostre città e al contempo rischiano di pesare negativamente sull'economia delle attività commerciali presenti, in particolar modo, nei centri storici. Per Confcommercio e Confesercenti sono invece modifiche migliorative lo stop natalizio alle domeniche ecologiche, il rinvio di un anno delle misure nei comuni sotto i 50.000 abitanti e del blocco ai diesel commerciali leggeri Euro 3, oltre a una maggiore flessibilità nella definizione delle aree interessate. Ma valutano negativamente, però, il mantenimento del blocco degli altri autoveicoli diesel euro 3 che, assieme alle limitazioni dei mezzi a benzina, porterà al blocco di quasi 1 milione di veicoli nella regione, pari al 23% delle auto circolanti. Confesercenti e Confcommercio ribadiscono così la loro contrarietà anche a diverse altre misure contenute nel piano, sul quale continuerà, annunciano, un confronto serrato con la regione.

Condividi.

Notizie correlate