(VIDEO) EMILIA ROMAGNA: Stagione difficile per i tartufi

E' partita decisamente in salita la stagione del tartufo a causa del 'nemico' caldo che si è fatto molto sentire nei mesi estivi scorsi e ha così favorito il diffondersi di larve golose del pregiato tubero. Il risultato è che di bianco se ne trova poco dall'avvio della raccolta, in alcune zone già partita da oltre una settimana, mentre quello nero estivo è praticamente scomparso, fanno sapere i tartufai. La speranza per raddrizzare almeno in parte la stagione è che le piogge autunnali e le temperature fresche aiutino i tartufi a crescere e a maturare. Molta importanza viene poi data alla straordinaria attività lunare di settembre, con il nostro satellite molto vicino alla terra e dunque con le sue influenze gravitazionali al massimo della potenza. Resta il fatto che i cambiamenti climatici in corso, con estati sempre più calde e siccitose che insistono su tutto il territorio italiano, sono negativi per lo sviluppo dei tartufi, che prediligono climi più temperati e umidi. Un problema serio per il tartufo bianco, il più pregiato, per la sua profumazione, per chi la gradisce, ma anche per la sua rarità, accentuata dal fatto che a differenza di quello nero non è stata ancora trovata una procedura certa e redditizia per la sua coltivazione. E dunque in Emilia-Romagna, come nel resto dei territori ad alta vocazione tartufigena, per poter sperare di trovare tartufi di buona qualità, profumo e dimensioni, occorrerà per lo meno attendere la meta di questo mese di ottobre. Al momento le quantità raccolte sono decisamente inferiori a quelle della scorsa stagione, e i prezzi ne hanno immediatamente risentito, con quotazioni quasi raddoppiate, e in certi casi senza il quasi o addirittura triplicate, rispetto al passato. Unico aspetto positivo è che il ritardo, se l'autunno farà la sua parte dal punto di vista climatico, con cui procede la stagione 2015 per i tartufi, probabilmente la allungherà ben oltre ben oltre il periodo di Natale e fino al 2016, con positive ripercussioni per la ristorazione e il turismo gastronomico.

Condividi.

Notizie correlate