alberi_diaz

(VIDEO) FORLI’: Corso Diaz, gli alberi sono salvi

I bagolari di corso Diaz A Forlì sono salvi. Il comune ha infatti deciso di bloccare il suo progetto di riqualificazione della strada. Le risorse così risparmiate andranno a favore di altri interventi per nuove alberature sempre in spazi e vie del centro storico. In merito al progetto di riqualificazione di corso Diaz, ha reso noto il comune, ereditato dall’attuale amministrazione e vicino alla conclusione dell’iter procedurale, che prevedeva l’abbattimento di 17 alberi a fronte della messa a dimora di 62 nuove alberature e che, negli ultimi mesi, è stato oggetto di opposte valutazioni e critiche da parte di comitati di cittadini, rappresentanze associative e di quartiere, conseguenti all’avvio di un percorso di partecipazione per la valutazione e il miglioramento del progetto stesso si è deciso di non procedere alla sua realizzazione. Questo perché, sostiene il comune, pur avendo manifestato piena disponibilità a trovare una mediazione che modificasse il progetto, non si è riscontrata alcuna apertura da parte dei rappresentanti del gruppo spontaneo e, dunque non vi sono le condizioni per proseguire con il progetto. Naturalmente questa decisione è stata accolta con soddisfazione da chi per mesi si è battuto contro il taglio degli alberi. Finalmente il sindaco si è deciso ad ascoltare i cittadini, commenta il comitato promotore della petizione del gruppo spontaneo Giù le mani dagli alberi di Forlì. I 5mila cittadini che hanno firmato la petizione sono i veri vincitori di questa estenuante vicenda. Ma la polemica non è finita. Invece di fare quello che abbiamo responsabilmente proposto, attacca infatti il comitato,il sindaco ha deciso di sospendere tutto l’intervento motivandolo con il nostro mancato accordo. Se pensano in questo modo di scaricare la responsabilità della mancata realizzazione della parte del progetto che riguardava 50 aiuole si sbagliano di grosso: sono stati loro ad averlo impedito con motivazioni che non si reggono in piedi. 

Condividi.

Notizie correlate