Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

ANDREA ZANZI


BASKET: Due vittorie e due sconfitte per le romagnole all'esordio in serie B Sport

BASKET: Due vittorie e due sconfitte per le romagnole all'esordio in serie B

Si è concluso con un bilancio agrodolce per le formazioni romagnole il debutto del nuovo campionato di serie B girone B. Preventivabile la sconfitta dell'Orva Lugo, seppur maturata in volata sul campo di Olginate: ai ragazzi di coach Galetti non sono bastati i 28 punti di uno scatenato Giacomo Filippini per avere la meglio sui lombardi. Ben diverso l'impatto sul campionato di Rimini: tutto facile per l'NTS contro Lecco, una sorta di partitella di allenamento conclusasi sul +56 contro una Gilmar che ha schierato la sua under 20 non avendo iscritto nei tempi regolamentari i propri senior. Vincono anche i Tigers con un più che rassicurante 85-61 ai danni di Alto Sebino mentre cade la Rekico Faenza superata dalla Baltur Cento grazie alla prova maiuscola dell'ex Unieuro Forlì Sebastian Vico.


MOTORI: Gara2 è propizia per Melandri, è terzo dietro a Davies e Rea Sport

MOTORI: Gara2 è propizia per Melandri, è terzo dietro a Davies e Rea

Torna a salire sul podio Marco Melandri: gara2 del Gp di Germania ha visto un "Macio" più competitivo rispetto alla prima manche, favorito anche dal fatto di essere partito dalla pole position. Il 33 ha subito il rientro imperioso di Rea prima e di Davies poi, col compagno di scuderia in Ducati che alla fine ha preso il largo per completare la propria doppietta. Marco è rimasto così in lizza per il secondo posto senza però riuscire a vincere la resistenza di Rea. Impresa sfiorata anche per Lorenzo Savadori, a lungo quarto davanti a Tom Sykes ma poi in difficoltà nei giri conclusivi fino al settimo posto finale. "Peccato, sono stato in quarta posizione per tutta la gara ma sono calato nel finale. L'ascesso che mi ha perseguitato in questo week-end non mi ha certamente facilitato le cose anche se alla fine mi tengo stretto questo buon risultato". il commento del cesenate. Soddisfatto Marco Melandri: "Dopo ieri non avrei creduto di finire sul podio, oggi ho tenuto un ottimo passo ed è andata bene". Intanto, in Supersport brutta caduta per Federico Caricasulo: il pilota ravennate ha riportato contusioni multiple ma le sue condizioni sono apparse rassicuranti.


CALCIO: Una salvezza in salita per Santarcangelo e Rimini - VIDEO Sport

CALCIO: Una salvezza in salita per Santarcangelo e Rimini - VIDEO

Lega Pro, -2 al gran finale: di verdetti chiari ed inequivocabili, al momento ce ne sono pochi. Due per la precisione: la retrocessione del Savona in serie D e la promozione della Spal in cadetteria, arrivata al termine di un campionato vissuto da dominatrice assoluta. Un epilogo inevitabile, dunque, per la squadra di Semplici ora pronta a spopolare anche in serie B. Per Santarcangelo e Rimini, invece, tutto è rimasto cristallizzato rispetto all'ultima giornata: dopo il beffardo pareggio di Prato i ragazzi di Zauli sono rimasti al limite della soglia play-out, a +1 proprio sui cugini del Rimini: negli ultimi 180 minuti i gialloblu dovranno vedersela con il Pontedera in casa per poi chiudere sul difficile campo di Macerata, squadra ancora in piena corsa per arrivare al secondo posto. Un calendario non agevole così come non sembra esserlo quello del Rimini, che domenica andrà ad Ancona e l'8 maggio chiuderà con l'Arezzo. Attenzione però: l'Ancona è ormai tagliato fuori dalla corsa play-off (le migliori quarte degli altri gironi hanno un vantaggio irrecuperabile sui dorici) e l'Arezzo è ormai salvo. Sei punti in due partite per i biancorossi si possono fare, anzi, si dovranno fare e la salvezza sarà realtà per il Rimini.


CALCIO: Sciopero rientrato, il Rimini giocherà a Teramo con la prima squadra - VIDEO Sport

CALCIO: Sciopero rientrato, il Rimini giocherà a Teramo con la prima squadra - VIDEO

Il Rimini sarà regolarmente presente al calcio d'inizio del match di Teramo, in programma per domani pomeriggio alle ore 17.30: a darne notizia è stato il capitano dei biancorossi Riccardo Martinelli, che ha spiegato anche i motivi che hanno indotto i biancorossi a rinunciare allo sciopero proclamato mercoledì scorso. "Non potevamo mancare di rispetto ai nostri tifosi, che in questi mesi si sono prodigati per aiutarci a tirare avanti anche in questo grave stato di crisi e lo faranno anche domani. A loro va il nostro più grande ringraziamento ma i problemi restano sul tavolo e nessuno dell'amministrazione si è fatto sentire nei nostri confronti per venirci incontro. Ora cercheremo di finire la stagione ma non sarà facile". Sulla stessa lunghezza d'onda anche il tecnico Leo Acori: "Non avrei mai potuto presentarmi a Teramo alla guida della Berretti. Questa situazione è frutto di tante condizioni negative: il presidente De Meis è stato chiaro, non ha più modo di pagare più nulla a causa dei problemi delle sue attività. Ora pensiamo solo al calcio giocato e ad una partita, quella di Teramo, che sarebbe stata difficile anche in condizioni normali e che non vedrà presenti neppure i nostri fantastici tifosi per un divieto che a noi risulta ancora incomprensibile".


CALCIO: Basta un lampo di Buonocunto al San Marino per affondare il Romagna Centro - VIDEO Sport

CALCIO: Basta un lampo di Buonocunto al San Marino per affondare il Romagna Centro - VIDEO

Il San Marino si conferma squadra solida e di grandi ambizioni anche nel derby contro il Romagna Centro: i titani, pur privi del loro bomber principe Emiliano Olcese, sbancano l'Orogel Stadium rompendo gli indugi soltanto al 40', quando Ivan Buonocunto è il più lesto ad avventarsi su una palla vagante e a spedire alle spalle di un incolpevole Semprini. Nella ripresa la reazione dei cesenati produce solo un paio di occasioni da rete, quelle sprecate da Spadaro e dal neoentrato Ricci Frabattista, prima che al 90' Tonelli rendesse ancora più amaro il pomeriggio dei biancazzurri rimediando una banale espulsione. Un San Marino che resta così agganciato al treno-promozione, sempre in compagnia del Forlì, a -9 rispetto al Parma capoclassifica. Il tabellino di Romagna Centro-San Marino 0-1 ROMAGNA CENTRO: Semprini; Maioli, Ronchi, Brunetti; Arrigoni (25' st Saporetti), Dall'Ara, Ferretti, Gregorio (36' st Morena); Tonelli, Spadaro, Luzzi (12' st Ricci Frabattista). A disp. Zauli, Tisselli, Ahmetovic, Vitellaro, Rizzitelli, Cenci. All. Faedi SAN MARINO: Dini; Menini, Arrigoni (1' st Paolini), Bova, Carnesecchi; Magnanelli, Gambini, Buonocunto; Braccini (36' st Gagliardi), Stefanelli (25' st Loiodice), Baldazzi. A disp. Renzetti, Borghini, Tola, Giunchetti, Cicarevic, Pierfederici. All. Medri Arbitro: Vimercati di Cosenza Rete: 40' pt Buonocunto Note: espulso Tonelli al 45' st


CALCIO: Alfonsine sempre più in orbita: anche il Sasso Marconi è spazzato via - VIDEO Sport

CALCIO: Alfonsine sempre più in orbita: anche il Sasso Marconi è spazzato via - VIDEO

Questo Alfonsine non finisce più di sorprendere e adesso che ha recuperato alla piena efficienza fisica anche il suo cannoniere principe, il Re Antonio Salomone, fa davvero paura. Bastano appena sette minuti all'inarrestabile bomber di casa per sbloccare la sfida col Sasso Marconi al culmine di un'azione di sfondamento. Al 27', poi, l'Alfonsine raddoppia: Fontana pennella un cross che Ricci Maccarini è abilissimo a tramutare in gol con una girata che si insacca alla destra di Lazzari. Il Sasso reagisce e accorcia con Tonini, che sfrutta l'assist di Arbizzani per scaricare alle spalle di Lusa al 31': una prospettiva di rimonta che si rivela solo una pia illusione per i bolognesi, visto che sei minuti più tardi ci pensa Innocenti a chiudere definitivamente i conti con l'ennesima prodezza balistica della sua stagione, un calcio di punizione dai 25 metri che sorprende il portiere Lazzari per il 3-1 finale. Il tabellino di Alfonsine-Sasso Marconi 3-1 ALFONSINE: Lusa, Fantinelli (37’ st Calviello), Fontana, Molossi, Bertoni, Chmangui, Ricci Maccarini, Lombardi, Salomone, Innocenti, Tosi. A disp Tusoni, Marilungo, De Luca, Troncossi, Spighi, Afasanwo. All. Candeloro SASSO MARCONI: Lazzari, Minelli, Zecchini, Cervellin, Longhi, Tonelli (12’ st Iysa), Noselli, Bregant, Tonini (36’ st Farini), Arbizzani, Melu (25’ st Raspadori) A disp. Lauria, Traina, Colombo, Rotatori. All. Moscariello Arbitro: Nicolini di Brescia Reti: 8’ pt Salomone, 27’ pt Ricci Maccarini, 31’ pt Tonini, 37’ pt Innocenti


CALCIO: Ravenna, tre punti d'oro dalla sfida con la Correggese - VIDEO Sport

CALCIO: Ravenna, tre punti d'oro dalla sfida con la Correggese - VIDEO

Il cuore, il carattere, la fame di vittoria, la capacità di saper soffrire spingono il Ravenna oltre l’ostacolo di una coriacea Correggese, e i giallorossi tornano a conquistare con pieno merito i tre punti al Benelli dopo quasi tre mesi di attesa, guastando il ritorno da ex di mister Benuzzi. Sono Innocenti, al suo primo gol nel 2016, e Petrascu, con due assaggi di classe, a mettere la firma su un successo che può costituire un importante punto di svolta nella stagione dei giallorossi alla vigilia del lungo e decisivo ciclo di sfide per la salvezza. Dopo una lunga fase di studio, con poche iniziative da entrambe le parti, il match si accende al 35’ quando Zuccolini centra la parte alta della traversa su angolo di Ponsat. Va meglio al 43’ a capitan Innocenti, la cui torsione di testa sul corner corto di Ambrogetti plana alle spalle di Chiriac. Undicesimo centro per Innocenti e digiuno interrotto dopo 574’. Subito dopo Ambrogetti va via sullo stretto ad un paio di avversari ma viene rintuzzato in angolo al momento di battere a rete. Dagli spogliatoi esce una Correggese feroce; al 2’ Bovi collauda i riflessi di Magnani, che alza oltre la traversa; Camarà al 4’ manda sul fondo da buona posizione sul bel traversone di Franceschini ma fa capire che il gol è maturo e infatti, un giro di lancette dopo, Landi risolve una mischia in area con un rasoterra a fil di palo alla sinistra di Magnani. Il portiere del Ravenna è bravo al 16’ ad anticipare Camarà, pronto all’inzuccata vincente. Al 28’ l’episodio chiave della gara: su un erroraccio del Ravenna, la Correggese riparte in situazione di 4 contro uno, Landi serve Camarà che appoggia a Bernasconi a centro-area. Il pallone supera tutti ed è destinato in fondo alla rete; Radoi, in salvataggio disperato, lo allontana. Dentro o fuori? L’arbitro prima accorda il gol, poi si consulta col guardalinee, rimasto fermo, e cambia la decisione. Si resta sull’1-1, e il pericolo corso scuote i giallorossi, che ripartono all’attacco e al 32’ Petrascu e Innocenti si inventano la splendida triangolazione che manda al tiro l’attaccante romeno: una conclusione di rara potenza e bellezza che si infila sotto l'incrocio dei pali alla destra di Chiriac. Per Petrascu è il terzo centro in questo campionato, il primo sotto la curva Mero. Il finale è un arrembaggio della Correggese: Magnani sventa al 36’ il pericoloso tiro-cross di Selvaggio e si oppone in uscita a Bernasconi al 42’. Camarà si fa espellere per doppia ammonizione al 48’, e sull’ultima punizione della partita, Bernasconi segna, di testa, ma quando l’assistente ha già alzato la bandierina a segnalare il fuorigioco per un fuorigioco che sembra non esserci. Il Ravenna torna a vincere e dopo nove giornate scala di una posizione la classifica, scavalcando l’Union Arzignano. “Abbiamo disputato una grande partita sotto tutti i punti di vista - commenta Mauro Mosconi, in panchina al posto del fratello Andrea, squalificato – soprattutto nel primo tempo, sfruttando anche il vento a favore, poi nel secondo tempo siamo ricaduti in quegli errori già fatti in precedenza e abbiamo incassato subito la rete, rischiando anche di prendere la seconda; qui sono venuti fuori tutto il temperamento che ci contraddistingue e la voglia di vincere che avevamo e siamo riusciti a segnare il secondo gol, portando a casa tre punti importantissimi per la classifica e per il morale della squadra”. Il tabellino di Ravenna-Correggese 2-1 RAVENNA (4-3-3):  Magnani; Maini, Mandorlini, Antoniacci, Caidi; Guagneli, Del Mastio, Righini (18’ st Radoi); Ambrogetti (27’ st Petrascu), Innocenti, Battiloro (37’ st Atzori). A disp.: Iglio, Destani, Magri, Minardi, De Vecchis. All.: M. Mosconi (A. Mosconi squalif.). CORREGGESE (4-3-3): Chiriac; Selvaggio, Bertozzini, Zuccolini, Varini (46’ st Pipoli); Davoli, Landi, Bovi (24’ st Bacher); Franceschini (21’ st Bernasconi), Ponsat, Camarà. A disp.: Cotticelli, Guerra, Pappaianni Lenzi, Bellei, Barilli, Berni. All.: Benuzzi. ARBITRO: Rasia di Bassano del Grappa. RETI: 43’ pt Innocenti, 5’ st Landi, 32’ st Petrascu. NOTE: Espulso al 48’ st Camarà per doppia ammonizione. Ammoniti: Caidi, Selvaggio, Franceschini, Bernasconi. Angoli: 5-5. Recupero: 0’ e 6’.