CESENA: Assalto a portavalori in autostrada, caos e A14 chiusa – VIDEO

Fucilate, macchine bruciate, il tutto faceva pensare alla sceneggiatura di un buon film ma poi ci si è dovuti arrendere all'amara realtà. Ancora una volta l'autostrada A14 è stata teatro di guerra. Attorno alle 18.30 di lunedì pomeriggio l'ennesimo assalto a un portavalori. Questa volta il commando armato è entrato in azione nel tratto che corre verso nord, tra i caselli di Valle del Rubicone e Cesena Sud, sparando numerosi colpi. Il gruppo di fuoco, composto da almeno una dozzina di persone col volto travisato su tre auto, era infatti armato di fucili a pompa e kalashnikov. Con questi ha assaltato il blindato della Civis che era partito da Rimini, sparando per bloccarlo dopo averlo affiancato. Secondo quanto riferito dalle guardie giurate che erano sul furgone, hanno sparato per cinque minuti ma il vetro dei finestrini essendo anti sfondamento hanno retto. Una volta fermo il mezzo, alcuni di loro sono saliti sul tetto che è stato aperto come una scatoletta di tonno con un flessibile. I banditi sono poi riusciti a portare via alcuni dei sacchi in custodia: è di circa 600mila euro il bottino dell'assalto al portavalori che trasportava in totale due milioni. Il resto delle banconote sono state lasciate lì in quanto è entrato in funzione l'allarme schiumogeno che li ha fermati. Successivamente i malviventi hanno bloccato la carreggiata incendiando le auto. In quel momento, alcuni complici sull'altra carreggiata hanno interrotto il traffico, mettendo di traverso un camion. Alcuni membri del gruppo di fuoco per fuggire hanno anche rapinato un automobilista della sua auto, una Volvo, e almeno una parte di loro sarebbe appunto fuggita percorrendo la carreggiata opposta, verso Rimini, gettando anche a terra dei chiodi per impedire di essere seguiti.  Nessuna persona è rimasta ferita. (Foto Simone Bellanza, video Sapone – Blaco) 

Condividi.

Notizie correlate