CESENA: Colpivano nelle case, arrestati due giovani albanesi – FOTO

I Carabinieri della Stazione di Savignano sul Rubicone, nelle prime ore della nottata di oggi, al termine dei dovuti accertamenti hanno tratto in arresto due giovani, il primo, nato in Albania, classe 1985, domiciliato in Savignano Sul Rubicone, celibe, nullafacente, pregiudicato e privo di permesso di soggiorno, e il secondo, anche lui nato in Albania, classe 1992, domiciliato in Savignano Sul Rubicone, privo di permesso di soggiorno, celibe, pregiudicato, nullafacente, ritenuti responsabili dei reati di furto in abitazione in concorso, e denunciati anche per ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate e di grimaldelli.

Gli stessi, fermati in tarda serata in Savignano sul Rubicone da personale in specifico servizio di prevenzione ai reati predatori, a bordo di una Peugeot 206, risultata immediatamente oggetto di furto perpetrato da ignoti durante la notte tra il 04 e 05.10.2015, in Borghi (FC), sono stati immediatamente sottoposti a perquisizione personale e veicolare. E’emerso, quindi, che verso le 17.30 avrebbero asportato dall’interno di un’abitazione della frazione Sala di Cesenatico, la somma in contante di euro 500, composta da banconote di vario e piccolo taglio, una borsa da donna di valore e numerosi monili in oro. Rintracciata la proprietaria, la suddetta merce è stata subito riconosciuta e restituita. Estesa la perquisizione al loro domicilio, sono stati trovati in possesso di monili in oro per un valore complessivo di Euro 10.000 circa, in parte di proprietà della persona residente a Borghi alla quale era stata rubata anche l’autovettura, ed altra sottoposta a sequestro. Si rinveniva e sequestrava inoltre: una mazza con manico in ferro lunga cm.122, un bastone in legno acuminato lungo cm.95; sei cacciaviti, uno scalpello da murature in ferro,una chiave inglese, tre mini torce, vari rotoli di nastro adesivo, varie paia di guanti da lavoro, 5 telefoni cellulari, 3 orologi da uomo e vari portafogli da uomo e da donna. Gli arrestati, così come da intese telefoniche con la Procura, nella persona della Dott.ssa Lucia SPIRITO, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza di Savignano, in attesa del rito per direttissima svoltosi nella mattinata odierna, all’esito del quale gli arresti sono stati convalidati e i due, che hanno chiesto i termini a difesa (processo rinviato al prossimo 4 dicembre), sono stati condotti in carcere a Forlì in custodia cautelare.

Si invita a chi dovesse riconoscere qualche oggetto di sua proprietà, a recarsi presso la Stazione di Savignano e, previa presentazione della denuncia e riconoscimento, si potrà procedere alla restituzione. Ciò anche a dimostrazione dell’importanza di sporgere sempre ed in ogni caso la denuncia di un furto subito.

Condividi.

Notizie correlate