CESENA: La uccise davanti i tre figli piccoli, fissata la prima udienza – VIDEO

E’ di sicuro il fatto di sangue più cruento degli ultimi mesi a Cesena. Parliamo del tragico omicidio, avvenuto il 25 ottobre scorso in un appartamento di edilizia pubblica dell’ex roverella, dove un marocchino, Rachid Rahali, uccise la moglie, Nadia Salami, con numerose coltellate. Una triste vicenda, che si consumò davanti gli occhi innocenti dei figli di due, tre e quattro anni, che furono ritrovati dai soccorritori accanto il cadavere della donna, riverso in un lago di sangue. I magistrati della Corte d’Assise di Forlì, hanno fissato la data della prima udienza per il processo a carico dell’uomo, prevista per il 20 luglio. La difesa dell’accusato, ha chiesto il rito abbreviato che dovrà però tenere conto delle numerose aggravanti che vengono contestate. Sebbene sia stato lo stesso Rahali a chiamare i soccorsi in stato in shock, all’uomo vengono imputati i futili motivi, l’uccisione del coniuge e non da ultimo la consumazione di un omicidio avvenuto davanti i figli piccoli. Ed è proprio dei tre piccoli che si parla in queste ore. Attualmente risultano affidati ai servizi sociali, sebbene vi sia un importante pressing da parte di alcuni parenti. L’eventuale affido risulta difficile in quanto i familiari più stretti sono all’estero, in Marocco, paese in cui i magistrati dovrebbero verificare le condizioni di vita. In secondo luogo vige il problema della forte differenza d’età. Nel frattempo però si sarebbero fatti avanti altri parenti residenti in Italia ma non a Cesena.

Condividi.

Notizie correlate