CESENA: Mamma Ebe, condanna definitiva della Cassazione a sei anni di carcere – VIDEO

È arrivata la parola fine alla decennale questione giudiziaria che vede protagonista Mamma Ebe. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a sei anni di carcere per la santona 84enne, che nel corso degli anni aveva messo in piedi un giro miliardario di raggiri che ha raccolto denaro dai 400 malati che si erano affidati a lei per cure alternative a mali molto gravi. Associazione a delinquere e esercizio abusivo della professione, queste le accuse a suo carico. Nel 2002 Gigliola Giorgini, conosciuta come Mamma Ebe, bolognese d’origine ma attiva tra la Toscana e la Romagna, era stata arrestata dagli agenti del commissariato di Cesena nella sua villa di Carpineta, sulle colline cesenati, dopo la denuncia di una paziente. In precedenza era già stata condannata a sei anni di carcere per le truffe messe in piedi a Pistoia, ma in Romagna aveva ricominciato indisturbata la sua attività. Benedizioni, messe, prescrizione di farmaci: la santona, pur non essendo un medico, prometteva ai pazienti guarigioni miracolose mettendo a repentaglio spesso la vita stessa dei malcapitati.

Condividi.

Notizie correlate