EMILIA-ROMAGNA: Allarme criminalità, 5.556 reati denunciati nel 2015. Rimini in testa – VIDEO

L’Emilia-Romagna, come regione, e Rimini, come provincia, si piazzano al vertice della classifica stilata da ‘Il Sole 24 Ore’ su reati denunciati in Italia nel 2015 in base alle statistiche provinciali e regionali sull’attività delittuosa fornite al quotidiano milanese dal ministero dell’Interno, dipartimento della Pubblica Sicurezza. Secondo il giornale economico, nel 2015 l’Emilia-Romagna con 5.556 reati denunciati ogni 100.000 abitanti (in calo del 2,5% sull’anno precedente) precede la Liguria con 5.434 reati (-3,9%) e il Lazio con 5.237 reati (-6,7%). Guardando alle province, quella di Rimini è in testa con 7.791 reati denunciati ogni 100.000 abitanti (in calo dell’1,8% sull’anno precedente) superando anche Bologna con 7.240 reati (-2,2%). Fra le altre province emiliano-romagnole, è presente, tra le prime dieci anche Ravenna che, con 5.936 reati denunciati ogni 100.000 abitanti si piazza al 6/o posto (-4,4%). “In venti anni non sono mai stati introdotti elementi più precisi di valutazione”. Questo il commento del Sindaco di Rimini Andrea Gnassi. “Forse sarebbe più logico e veritiero – prosegue il primo cittadino riminese – guardare a questi numeri sotto la lente del trend pluriennale. Ad esempio, il calo dei reati denunciati nel triennio 2013/2015, a dimostrazione dello sforzo e dell’ottimo lavoro delle forze dell’ordine. Da oltre 30 anni il territorio riminese sta chiedendo il potenziamento permanente degli organici di polizia e la ‘promozione’ in classe adeguata della sua Questura”.

Condividi.

Notizie correlate