aula-tribunale

FAENZA: Agguato mafioso del 2009, arrivano condanne a 20 anni

In tre, tutti catanesi, sono stati condannati dal tribunale di Ravenna per il fallito agguato a colpi di pistola teso a Faenza, nel 2009, a un 45enne imprenditore del posto di origine catanese che non voleva cedere a pressioni per lasciare un appalto. Un tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso accompagnato dalla tentata estorsione che è costato 20 anni e un mese di carcere a Salvatore Randone, 59enne, residente a Dozza Imolese. 20 anni a testa ad Antonino Rivilli, detto grilletto d’oro, 44 anni ead Antonino Nicotra, 68 anni, che per l’accusa aveva tirato i fili dalla Sicilia. Secondo le indagini i tre volevano che il 45enne rinunciasse a un appalto preso nel bolognese per potere poi inserire una propria impresa. Di fronte al rifiuto erano risolti a punire l’affronto subìto pianificando l’agguato: cinque di colpi di calibro 7.65 sparati contro il 45enne mentre usciva di casa per gettare la spazzatura, ma nessuno mortale.

Condividi.

Notizie correlate