arresti_polizia

FAENZA: Entra in commissariato e minaccia gli agenti, nei guai 39enne calabrese

La Polizia di Stato  nella mattinata odierna ha tratto in arresto A.A, 39enne, italiano pregiudicato cosentino domiciliato da tempo a Faenza per i reati di minacce violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. L’uomo si recava negli uffici del Commissariato di Faenza e, dopo avere  bussato violentemente alla porta di un ufficio si rivolgeva urlando ad un agente presente colpendolo violentemente al volto. Intervenivano prontamente due colleghi che  si frapponevano tra l’esagitato ed il collega colpito, cercando di neutralizzarlo. Questi continuava però ad urlare inveendo contro la Polizia “rea” di avergli notificato il giorno precedente un provvedimento di Foglio di Via obbligatorio del Questore di Ravenna con rientro nel comune di Cosenza, sua residenza.

L’uomo continuava nel proprio atteggiamento violento urlando minacce di morte nei confronti degli agenti presenti che avevano modo di constatare che lo stesso teneva in mano i verbali di notifica del giorno precedente ove risultavano sottolineati ed evidenziati  i nominativi dei poliziotti nonché il nome di un faentino, persona che  aveva presentato nei suoi confronti una denuncia per minacce e lesioni, dopo essere stato aggredito e malmenato da A.A. tanto da dovere ricorrere alle cure del Pronto Soccorso.

Attesa la gravità del comportamento violento e minaccioso tenuto e mantenuto per diverso tempo in questi Uffici nei confronti dei poliziotti, A.A. veniva tratto in arresto per violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale. La Dott.ssa D’Aniello, Pubblico Ministero competente presso il Tribunale di Ravenna, ha disposto la custodia dell’uomo presso la cella di sicurezza del Commissariato di Faenza in attesa del giudizio per direttissima (attualmente in corso presso il Tribunale di Ravenna).

Condividi.

Notizie correlate