FERRARA: Omicidio coniugi, ha confessato il figlio 16enne | VIDEO

Un omicidio premeditato e probabilmente hanno tentato di fare sparire i cadaveri. Le indagini sul duplice omicidio di Pontelangorino, in provincia di Ferrara, sono arrivate ad una svolta ed è stato fermato Riccardo, il figlio sedicenne, e un suo amico 17enne, per l'omicidio del padre e della madre, Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, massacrati nella loro villetta a colpi in testa e poi avvolti in sacchi di plastica. Il provvedimento è scattato dopo gli interrogatori durati tutta la notte in caserma dei carabinieri a Comacchio. Le misure nei confronti dei due adolescenti sono scattate dopo che erano emerse contraddizioni e incongruenze nei loro racconti. Era stato lo stesso figlio a dare l'allarme, prima a una zia e poi ai carabinieri, in lacrime e diceva di aver trovato lui i corpi dei genitori. Il cadavere della madre era stato trovato vicino al letto, quello del padre in un garage, dove era stato trascinato dall'abitazione. Gli interrogatori del figlio sedicenne e dell'amico ha portato i carabinieri al luogo dove recuperare l'ascia con cui sono stati massacrati i coniugi e i vestiti sporchi di sangue dei due adolescenti. La causa scatenante sarebbero stati i rimproveri per il cattivo rendimento scolastico e avrebbero avvolto le teste delle vittime in sacchetti di plastica per non guardarli in viso. 

Condividi.