EPYTIXOB5980-U10301722789678NbD-U10301726485463fBE-238x140@LaStampa-NAZIONALE-kNDI-U10301726485463fBE-568x320@LaStampa.it_.JPG

FORLÌ: Prima udienza per i genitori di Rosita, suicidatasi nel 2014 al liceo classico

Prima udienza di fronte alla corte d'assise del tribunale di Forlì del processo a carico dei coniugi Rosita Cenni e Roberto Raffoni, accusati di maltrattamenti e, solo l'uomo, di istigazione al suicidio, a seguito della morte, avvenuta nel 17 giugno 2014, della figlia sedicenne Rosita che, dopo essere salita sul tetto del liceo classico Morgagni che frequentava, si era lanciata nel vuoto morendo sul colpo. La ragazza ha lasciato, registrato, un suo atto di accusa nei confronti dei genitori. Durante l'udienza il difensore della coppia, Marco Martines ha chiesto che il procedimento si svolga a porte chiuse. Richiesta respinta. Successivamente la difesa ha avanzato la richiesta, già respinta dal Gip in fase preliminare, di applicare al processo il rito abbreviato. Richiesta contestata dal pubblico ministero Filippo Santangelo. La corte d'assise ha rinviato la decisione, alla prossima udienza, fissata per il 14 dicembre.     

Condividi.

Notizie correlate