wpid-Denis-Bergamini-.jpg

RAVENNA: Caso Bergamini, si va verso la riapertura dell’inchiesta

Un caso ancora avvolto nel mistero dopo più di ventisei anni: è quello relativo alla morte di Denis Bergamini, il calciatore ex Imola e Russi deceduto la sera del 18 novembre 1989 in circostanze mai del tutto chiarite. Bergamini fu trovato morto sulla strada statale 106 Jonica nei pressi di Roseto Capo Spulico, in provincia di Cosenza, travolto da un camion. il decesso fu archiviato come suicidio: un'ipotesi a cui la famiglia del giocatore nativo di Argenta non ha mai creduto, tanto da chiedere e ottenere a più riprese la riapertura dell'inchiesta. Un atto che presto potrebbe essere formalizzato da parte del nuovo procuratore di Castrovillari, Eugenio Facciolla, assieme alla riesumazione del corpo di Bergamini su cui verranno compiuti nuovi esami. Soddisfatta la sorella di Denis, Donata Bergamini, che si è sempre battuta in tutti questi anni affinchè si facesse piena chiarezza sulle circostanze del decesso: "L'incontro col procuratore Facciolla è stato un colloquio in cui si è finalmente avuta la possibilità di interloquire. Sono estremamente felice".

Condividi.