RAVENNA: Indagini sulle responsabilità dell’affondamento del Gokbel – VIDEO

E’ quasi trascorso un anno dal giorno in cui, a causa della fitta nebbia, due imbarcazioni si scontrarono al largo di Ravenna e sei membri dell’equipaggio di una delle navi persero la vita. Era infatti il 28 dicembre quando la Lady Aziza colpì sulla fiancata la Gokbel  provocandone l’affondamento. Ora l’accusa per il comandante dell’imbarcazione siriana è di omicidio plurimo e violazione del codice della navigazione. In totale sono quattro le persone indagate, ma solo per il comandante della Lady Aziza  sembra probabile la richiesta di rinvio a giudizio per l’accusa di aver provocato la tragedia costata la vita ai sei marinai turchi. Nei prossimi giorni  saranno notificati gli avvisi di fine indagine dell’inchiesta, coordinata dal Procuratore di Ravenna Mancini e dal sostituto Stargiotti, ma le responsabilità sarebbero da circoscrivere ai comandanti dei due mercantili. Quella della Gokbel però è deceduto dopo essersi buttato per ultimo in mare, dopo aver inutilmente tentato di salvare l’imbarcazione e l’equipaggio in quella mattinata con la fitta nebbia che limitava la visibilità. La Lady Aziza stava uscendo dal porto a una velocità media di circa 12 nodi, contro i 4 della Gokbel, che stava entrando  nel porto. L’indagine della procura ravennate ha escluso che quel giorno nel porto di

Ravenna ci siano state responsabilità nell’occuparsi  dell’emergenza ed ha anche escluso l’omissione di soccorso da parte dell’imbarcazione siriana.

 

Condividi.

Notizie correlate