RAVENNA: Mistero nella notte, metronotte ucciso a colpi d’arma da fuoco – VIDEO

Sono in pieno lavoro gli investigatori dei Carabinieri di Ravenna, coadiuvati dai colleghi della scientifica, che devono fare luce sull'ultimo omicidio avvenuto in zona Savio. Era circa l'1.15 della scorsa notte quando il centro operativo di un noto istituto di vigilanza, la Cittadini dell’Ordine di Cesena, si rende conto che qualcosa non va. Uno dei loro addetti era letteralmente sparito, non rispondendo né alla radio né al cellulare. Dopo poco una seconda pattuglia dell'istituto si dirige nel punto esatto dove i rilevatori gps segnalavano la presenza dell'autovettura, ferma nei pressi della cava Manzona. E' subito sembrata chiara la gravità della situazione, infatti già da lontano si notava chiaramente come il lunotto posteriore della vettura fosse distrutto. Dopo poco la macabra scoperta. A pochi metri il corpo senza vita del metronotte scomparso. Immediato l'allarme al 112 con i Carabinieri che si sono fiondati sul posto. La vittima è Salvatore Chianese, 42enne, nato a Napoli, ma da tempo residente a Campiano, frazione alle porte di Ravenna. Da una prima analisi del cadavere, sembra chiaro che la causa della morte sia dovuta ad arma da fuoco. Dalla prima ricostruzione, sembra che siano partiti verso di lui due colpi sparati da un fucile da caccia, il primo ha distrutto il lunotto dell’auto ed il secondo invece lo avrebbe colpito in pieno volto nel mentre l’uomo si trovava in piedi sulla cancellata della cava. Mistero dunque per questo ennesimo fatto di cronaca, che parrebbe essere a tutti gli effetti un vero e proprio omicidio. Dal luogo del delitto sono scomparsi il portafogli della vittima e, cosa assai più grave per gli investigatori, la sua pistola in dotazione. L'uomo risulta ancora residente del casertano, a Trentola Ducenta, solo di recente si era trasferito con la moglie e la figlia di nove anni in Romagna. A coordinare le indagini degli inquirenti, il sostituto procuratore Daniele Barberini. Sul movente indagini in corso.

Condividi.

Notizie correlate