wpid-mussolini.jpg

RAVENNA: Murales inneggiante al fascismo, denunciato a Udine un 49enne ravennate

I carabinieri di Tarvisio, in provincia di Udine, hanno denunciato in stato di libertà un ravennate di 49 anni, per il reato di danneggiamento aggravato in merito a una frase inneggiante al fascismo che avrebbe scritto sui muri di una ex canonica. L'uomo, presentandosi come un pronipote di Mussolini, si era assunto pubblicamente nei giorni seguenti la paternità della scritta: ''Per un mondo più pulito torna in vita zio Benito''. Le successive indagini condotte dai militari dell'arma friulani con il supporto dei colleghi della stazione di Cervia hanno portato a riscontri oggettivi alle sue parole. Successivamente sono comparse altre scritte, sempre inneggianti al fascismo, sui muri della stessa canonica, che gli inquirenti ritengono essere opera però di altre persone, emulatori.

Condividi.

Notizie correlate