3_image002

RAVENNA: Si finge dipendente Enel, fermato senegalese del ’92

I Carabinieri della Compagnia di Ravenna, giovedì 5 novembre 2015, hanno deferito all’ Autorità Giudiziaria un cittadino del Senegal che è stato colto mentre richiedeva documentazione in una abitazione fingendosi in dipendente Enel.

La segnalazione è giunta al 112 tramite un cittadino che aveva notato i soliti procacciatori di contratti “porta a porta” in località marina di questo centro; la pattuglia della Stazione di Lido Adriano, intervenuta prontamente a seguito della segnalazione, ha individuato immediatamente un ragazzo proprio mentre colloquiava con una pensionata residente nella zona.

Veniva così fermato ed identificato un cittadino senegalese, classe ’92, residente nella provincia di Ravenna; i militari, all’atto dell’intervento, hanno notato che il ragazzo mentre parlava con la vittima, aveva già in mano della documentazione, nello specifico una bolletta, che la malcapitata aveva consegnato credendo alla buonafede del senegalese. La scusa è purtroppo nota, poiché già in passato si sono verificati casi analoghi: il venditore con la scusa di dover rilevare il codice cliente per procedere ad una verifica sulla correttezza delle informazioni e dei pagamenti, entra in possesso di dati sensibili, coperti dalle normative sulla privacy. Molto spesso questi dati vengono poi utilizzati per fini illeciti o addirittura sono semplicemente il prodromo per una richiesta indebita di denaro, che le ignare vittime molte volte liquidano immediatamente temendo ulteriori disagi.

Fortunatamente con l’intervento della Stazione Carabinieri di Lido Adriano non si è verificato nulla di tutto ciò; il 23enne senegalese invece è stato deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà.

Condividi.

Notizie correlate