RAVENNA: Tra due mesi i risultati dell’incidente probatorio nella villa dell’omicidio – VIDEO

La giornata dell’incidente probatorio ha portato nella villa di Cagnoni, vicino ai margini dei giardini pubblici di Ravenna, periti e consulenti come richiesto dalla Procura, per cercare di fare piena luce sull’omicidio di Giulia Ballestri, trovata cadavere nella villa disabitata lo scorso 16 settembre. Il marito della vittima, il dermatologo 51enne Matteo Cagnoni, è in carcere a Firenze, dopo che di recente gli sono stati negati i domiciliari con braccialetto elettronico dal Riesame di Bologna, con l’accusa di omicidio pluriaggravato e la villa in cui è stato commesso il barbaro omicidio apparteneva al nonno del medico. All’incidente probatorio erano presenti anche, tra gli altri, gli avvocati di accusa e difesa, oltre ai consulenti nominati dalle parti e i pm titolari del fascicolo, ovvero Cristina D’Aniello e il procuratore Alessandro Mancini.  Gli uomini della scientifica sono arrivati col mezzo da Bologna carico di tutte le attrezzature per compiere i rilievi. In particolare sarebbe stata prestata attenzione allo spigolo della parete dove l’omicida avrebbe spinto la donna nell’ ultimo tentativo di rialzarsi dopo aver ricevuto una decina di bastonate e nella stessa stanza si troverebbe il frigorifero sul quale è stata trovata l’impronta impressa sul sangue che apparterebbe a Cagnoni. Ora si attendono i risultati che dovrebbero arrivare entro una sessantina di giorni.

Condividi.

Notizie correlate