RICCIONE: Arrestato pusher vicino al Cocoricò, addosso 30 dosi di ecstasy – VIDEO

La Regione stanzia 2milioni di euro per la prevenzione e il contrasto al consumo e all’abuso di sostanze stupefacenti. E proprio sabato sera è tornata alla ribalta la piaga dello sballo in Riviera. A poco più di un anno dalla morte del 16enne Lamberto Lucaccioni, il giovane di Città di Castello stroncato da una dose letale di Mdma, un pusher 32enne è stato arrestato dalla polizia nei pressi del locale in cui perse la vita Lucaccioni, il Cocoricò di Riccione. Lo spacciatore, originario dello stesso paese del giovane deceduto, è stato controllato dagli agenti dopo un appostamento, nell’ambito del giro di vite sulla sicurezza avviato dopo il decesso del ragazzino umbro. Con la collaborazione del personale del locale, dopo alcuni movimenti sospetti, i poliziotti hanno fermato il 32enne per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spiaccio. Addosso aveva banconote da 20 e 10 euro, ma soprattutto nascondeva una trentina di buste di droga già confezionate e pronte a finire nelle mani di giovani acquirenti. I controlli serrati delle forze dell’ordine, non solo nei locali della Riviera ma anche ai caselli e sulle strade, sembra quindi possano non bastare per stroncare il giro di droga tra i giovanissimi. Anche la Regione Emilia-Romagna scende in campo investendo un milione e 900mila euro per sostenere le Unità di strada e i servizi a bassa soglia d'accesso che operano nei luoghi di aggregazione e di divertimento. A ricevere i finanziamenti saranno le Ausl, a quella romagnola sono destinati 454mila euro. 

Condividi.

Notizie correlate