RIMINI: Affonda vongolara nel porto, mistero sulle cause – VIDEO

E' un vero e proprio giallo l'affondamento di una vongolara di 16 metri e mezzo avvenuto in via Destra del Porto a Rimini attorno alle 4 del mattino di venerdì. L'Angela Madre, questo il nome dell'imbarcazione, era stata lasciata un'ora prima ormeggiata in parallelo alla banchina dal proprietario Michele Castelluccia, neo presidente della Cooperativa vongolari. Solo verso le 13.30, grazie all'intervento di ben due gru, è stato possibile riportare la barca in superficie, non senza difficoltà. Oltre al costo per questo intervento di recupero vi sono i danni, da quantificare, che riguardano gli interni, le attrezzature, l'impianto elettrico e il motore. Verosimilmente sui 20mila euro. Ma come ha fatto la vongolara ad affondare in un lasso di tempo così ristretto? Mistero. Dai primi rilievi sembrerebbe che nessun'altra imbarcazione l'abbia speronata. Le prese a mare, secondo il proprietario, erano tutte in ottimo stato, così come la barca. Visto l'accaduto si è reso necessario, per legge, perimetrare l'area intorno alla vongolara con dei galleggianti appositi per limitare eventuali perdite di carburante: i serbatoi dell'Angela Madre hanno, infatti, una capacità di 1.500 litri di gasolio. Dal racconto di alcuni pescatori di una barca vicina, nella notte ci sarebbe stato un rumore sordo e poi l'affondamento. Sul posto la guardia costiera, i vigili del fuoco e il soccorso subacqueo.  

Condividi.

Notizie correlate