RIMINI: Arresto maestra, l’orrore in diretta – VIDEO

Una città quella di Rimini ancora sconvolta. Il giorno dopo la notizia dell’arresto della maestra 61enne riminese, sposata con due nipotini, il risveglio non è di certo di quelli piacevoli. Se fino a ieri storie simili che si sentivano in televisione o si leggevano sul giornale riguardavano altre città e altri contesti sociali ora il terrore giunge fino a qui. Venerdì mattina, infatti, i Carabinieri di Rimini hanno arrestato la donna con l’accusa di maltrattamenti aggravati dalla minore età della vittima. Un abuso della propria professione avvenuto nella scuola materna comunale Il Delfino e che riguardava da vicino una sezione. 26 i piccoli terrorizzati da quella maestra che, come dimostrano le lunghe ore di registrazione durate un mese, spesso e volentieri, quando si trovava da sola con loro, veniva colpita da raptus improvvisi. Di questi ventisei, in particolar modo quindici bambini, tutti maschi, erano oggetto di vessazioni, punizioni fuori luogo: nei video si vede infatti la maestra che li prende e li sculaccia davanti a tutta la classe piuttosto che li sbatte contro spigoli dei banchi. E c’è anche un bambino che, ripetutamente, viene preso per le braccia sollevato e sbattuto come un tappeto. Molto probabilmente non le stava simpatico. Tutto avveniva quando, guarda caso, la maestra si trovava sola coi piccoli. I Carabinieri, che hanno installato le telecamere a febbraio, così come i coordinatori dell’asilo, non sono potuti intervenire prima perché lo scopo era quello di documentare la donna e i suoi maltrattamenti. Gesti estremi di violenza che già emersero nel 2010 quando la signora fu sospesa dal servizio e denunciata per abuso di mezzi di correzione. Per quella vicenda è ancora in attesa della sentenza di primo grado.

Condividi.

Notizie correlate