RIMINI: Carim, linea dura contro gli ex vertici – VIDEO

L’Assemblea ordinaria dei soci azionisti di Banca Carim – che ha visto, in avvio, la partecipazione di oltre il 63% del capitale sociale – ha approvato “a larga maggioranza” le proposte del Consiglio di Amministrazione tra cui la costituzione di parte civile nel processo penale e le azioni di responsabilità nei confronti degli ex amministratori dell’istituto di credito che, in passato, è stato oggetto di commissariamento da parte della Banca d’Italia. Nel dettaglio, si legge in una nota di Banca Carim, l’Assemblea riunita nel pomeriggio, per iniziativa del Cda ha approvato la costituzione di parte civile nei confronti degli imputati nel procedimento penale aperto davanti al Tribunale di Rimini. L’ Assemblea ha anche approvato l’azione di responsabilità nei confronti degli ex amministratori nominati dall’Assemblea del 27.4.2007 e del 29.4.2010, degli ex sindaci nominati dall’Assemblea del 27.4.2007 e del 29.4.2010, dell’ex direttore generale Alberto Martini, dell’ex vice direttore generale Claudio Grossi e nei confronti dell’ex società di revisione, Deloitte & Touche. In totale gli ex dirigenti e vertici indagati sono 26. La magistratura indaga su ipotesi di reato molto gravi che vanno dall’associazione a delinquere finalizzata al falso in bilancio, false comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori e indebita restituzione dei conferimenti. Ad aprire il vaso di pandora la Guardia di Finanza che cerca di dimostrare come all’epoca dei fatti fossero stati elargiti mutui e finanziamenti senza che ci fossero state le adeguate garanzie e come nei bilanci venissero omesse le perdite già maturate nel tempo.

Condividi.

Notizie correlate