wpid-delfinario_rn.jpg

RIMINI: Caso Delfinario, la Lav ammessa come parte civile

La Lav (Lega Antivivisezione) è stata ammessa come parte civile nel processo al delfinario di Rimini, che vede imputati per maltrattamenti agli animali il legale rappresentante della società di gestione della struttura, e la veterinaria responsabile della custodia e della somministrazione dei farmaci ai delfini. "Questo processo, il primo a livello nazionale ed europeo a carico di un delfinario, ricorda la lav, rappresenta un precedente importante in tema di maltrattamento di animali acquatici in cattività e l'ammissione della nostra parte civile è un riconoscimento importante per l'associazione, da tempo impegnata nella protezione e difesa dei diritti dei mammiferi marini detenuti in cattività". La Lav "confida in un'attenta valutazione dei numerosi elementi di prova a carico degli imputati, emersi durante le indagini". Il procedimento, conclude l'associazione, "contribuirà a svelare al pubblico che cosa succede quando si spengono le luci del palcoscenico su questi magnifici mammiferi marini, costretti per fini puramente commerciali, ad esibizioni snaturanti".

Condividi.

Notizie correlate