RIMINI: L’ex colonia Murri preda di balordi e malviventi. Ancora sgomberi dei Carabinieri – VIDEO

Prende il nome dal famoso patologo dell'Università di Bologna Augusto Murri e ai temi del fascismo era una vera e propria cittadella per il controllo e l'educazione delle nuove generazioni. L'ex colonia a Bellariva di Rimini, sul lungomare Tintori, continua ad esser “violata” da balordi e sbandati. Con l'arrivo del freddo ecco che gli edifici abbandonati come la Murri si popolano nella notte sotto gli occhi di residenti increduli. Topi, scarafaggi, c'è di tutto là dentro: soprattutto materassi. Ed è per questo che quelle stanze decrepite tornano ad animarsi durante l'inverno. Molti cercano un riparo, un rifugio e così l'ex colonia Murri si trasforma in dormitorio per senza tetto: il più delle volte si tratta di extracomunitari che arrivano ad azzuffarsi per un “posto letto”. Capita quindi che talvolta si possano udìre veri e propri litigi. Ennesimo sgombero dei Carabinieri che hanno poi ripristinato la libertà di quei ruderi fatiscenti. Ma che senso ha tenere in piedi degli edifici del genere? Da casa di cura idroterapica per bambini realizzata nel 1911 dalle Opere Pie di Bologna e Imola a simbolo del degrado. Anni fa sembrava che il grande progetto di riqualificazione dovesse partire davvero e trasformare l'ex colonia Murri nel parco dello shopping ma poi, dopo il crac della società Valdagine di Verona che si doveva occupare dei lavori, ora è tutto nelle mani del curatore e non si sa più nulla. Sicuramente una cosa è certa: d'estate è la “casa” dei nomadi mentre d'inverno degli extracomunitari. E non è l'unico obrobrio che  residenti e turisti sono costretti a vedere: ci sono anche l'ex colonia Novarese e Bolognese a Miramare, per esempio.

Condividi.

Notizie correlate