RIMINI: Mistero al cimitero, nel loculo 11 scheletri sconosciuti – VIDEO

Violazione delle disposizioni in materia di polizia mortuaria. E’ quanto si ipotizza per il mistero del cimitero di San Patrignano nel riminese. Alla sepoltura, i famigliari di un defunto hanno trovato il loculo occupato: all’interno vi erano, infatti, delle ossa di altri undici morti, di cui quattro sono sconosciuti. L’accaduto risale a un mese e mezzo fa. Dopo aver celebrato il funerale del proprio caro, quello della tumulazione è sempre un momento particolare e delicato ma che, questa volta, ha riservato sgomento e stupore. I proprietari del sepolcro in merito, destinato al proprio famigliare defunto, si sono ritrovati di fronte a ben undici cassettine di zinco contenenti le spoglie di altre persone. Scheletri la cui provenienza ora è oggetto di indagini della Polizia Municipale. Su sette di quelle scatole vi erano dei foglietti di carta con scritto sopra il nome del defunto, mentre su altre quattro è calato il mistero. Non si sa, al momento, a chi appartengano gli scheletri. I nominativi scovati, otto in tutto, perché in una cassettina c’erano i resti di due persone, corrispondono a quattro donne e a quattro uomini, italiani, con cognomi molto diffusi nel territorio. Ed altro grande enigma: l’impresa di edilizia cimiteriale che gestisce i servizi del camposanto, dalle verifiche effettuate, ha riscontrato che quei nomi non risultano registrati in alcun modo. La procura di Rimini ha aperto un fascicolo sul mistero del cimitero di San Patrignano e su quegli scheletri che per ora, destano parecchi interrogativi. Le ossa, intanto, sono state sequestrate dal magistrato di turno e portate nella camera mortuaria del camposanto di Coriano.

 

NOTA DI REDAZIONE

Il cimitero in questione è quello di Cerasolo e non San Patrignano come erroneamente riportato nel nostro servizio. Ci scusiamo per l’errore.

Condividi.

Notizie correlate